Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.


Ma c'è qualcosa che fa più impressione: ovvero il senso di oppressione che avvolge i personaggi, a loro dire vittime di una strana creatura che viene fuori quando c'è rumore...roba da accapponare la pelle, devo dire con grande piacere che questa atmosfera ha avviluppato anche me, trascinandomi in un incubo capace di scuotere gli spettatori, come non mi capitava da tempo ormai col cinema horror, e devo dire che l'ho trovata una cosa davvero nuova e intrigante.
La paura in questo film è presente dall'inizio alla fine, e vi assicuro che la proverete davvero, la paura del silenzio, di non poter parlare, poi si avvolge fino al finale in cui...bah che caxxo sto facendo non voglio spoilerare, lo sapete qual è la mia politica, NO SPOILER tranne quando ci sono precise eccezioni alla regola.
Pur non essendo un capolavoro, questo film è capace davvero di fare rabbrividire, ma c'è di più, io ci ho visto in questa famiglia succube del mostro in quella casa uno spaccato familiare, che è quello del non riuscire a comunicare in altri modi se non quelli dei segni, per poi nel finale dove tutto riemerge con la tenzione in corpo che esplode e il coraggio di affrontare il mostro che vive in quella famiglia, che potreebbe essere vista anche come una metafora dell'incomunicabilità e la paura che si prova nel poter urlare quello che senti dentro.
Un bel film davvero che mi ha sinceramente sorpresa, di sicuro non lo immaginavo in questo modo per questo poi l'ho trovato sorprendente e agghiacciante allo stesso tempo, ogni tanto nel genere horror qualcosa di nuovo fa piacere vederlo.
Ve lo consiglio vivamente.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.