Passa ai contenuti principali

We Want Sex

Possono 187 operaie scioperare per farsi pagare esattamente come gli uomini e farsi ascoltare persino dal governo? La risposta è SI se a farlo sono donne con gli attributi che non hanno paura di sfidare la società di allora, parliamo della fine degli anni sessanta, quando le operaie vennero etichettate non qualificate e fatte lavorare più degli uomini con paghe da fame rispetto ai loro colleghi maschi.
Ma l'unione fa la forza, così si mettono tutte daccordo per fare una protesta e venire ascoltate anche dai politici se è possibile.

Quando l'inghilterra fa cinema a volte sforna piccole opere in grado di sorprendere, come questo film.
Ho apprezzato la cura del regista nel raccontare gli eventi (tutto si svolge nel sessantotto) e il coraggio di queste operaie nell'uscire fuori e farsi sentire dalla massa di gente per farsi pagare come gli uomini.
Le palle le tirano fuori davvero, ma se il mondo è governato dagli uomini, loro come donne, alzeranno la voce per farsi sentire pure dal governo se è possibile, perchè venire pagate di meno se svolgi lo stesso lavoro di un uomo?
E' questo in sintesi il tema del film, ovvero il rispetto di genere, perchè se il lavoro è un diritto, lo è anche il venire pagate come gli uomini.
Cosa di cui ancora oggi si parla nel mondo, perchè le lotte per l'emancipazione non finiscono mai, soprattutto perchè la società mette sempre sul piedistallo gli uomini, li paga bene, li fa proseguire in carriera e via dicendo; noi donne invece ci dobbiamo accontentare sempre e questo non è giusto.
Ed ecco che queste piccole suffragette fanno sentire la loro voce, facendosi pure ascoltare, forse grazie ai tumulti sessantottini, ce la faranno ad ottenere quello per cui protestano?
Mi è piaciuto questo film, soprattutto perchè parla senza mezzi termini di eventi realmente accaduti, nonostante il titolo pruriginoso del film non tratta temi erotici, ma provoca la reazione del pubblico sul tema dell'uguaglianza del diritto di venir pagate come gli uomini...e se questo è poco...
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.