Passa ai contenuti principali

Les Amants - Gli Amanti

Dopo otto anni di matrimonio Jeanne si stufa del marito Henry direttore di un giornale e comincia una relazione con Raul, un campione di polo conosciuto tramite un amica a parigi; un giorno Henry lo scopre e per testare che i due si amano davvero organizza un incontro a casa sua.
Ma ben presto Jeanne si stufa anche di Raul perchè incontra e si innamora davvero di un uomo che le da un passaggio dopo un incidente, in cui doveva incontrare Raul a casa del marito.
La mattina dopo capisce i suoi veri sentimenti e decide di partire con l'archeologo.

Dobbiamo ammettere una cosa, il vecchio detto tra i due litiganti il terzo gode è veritiero al cento per cento. Opera seconda di Louis Malle, ha come protagonista ancora una volta Jeanne Moreau che interpreta Jeanne.
Ragazzi che film, sofisticato, limpido e realistico fino al midollo, racchiude in se le tipiche provocazioni del cinema di Louis Malle, mettendo al centro una moglie borghese, annoiata, che vuole ravvivare un po' la sua vita, e lo fa: prima con Raul, ma è una storia passeggera senza nessuna importanza, poi con l'archeologo di cui si innamora sul serio, dandole una scelta più ponderata sul percorso della sua vita rispetto alla storia con Raul.
Suo marito è freddo e distaccato, pensa soltanto al lavoro, il loro rapporto è ormai al capolinea, senza nessuna passione, ciò che invece cerca Jeanne e trova in un primo momento con Raul, poi con l'archeologo che ricambia i suoi sentimenti.
Qui Malle si esprime con un linguaggio piuttosto avanti per i tempi, mettendo un eroina un po' forte, che fa una scelta ponderata, pur mettendosi tra le braccia del giocatore di polo, lei si stanca subito anche di lui, ma quando scopre i suoi veri sentimenti per l'archeologo che l'ama davvero decide di lasciare amante e marito.
Un film femminista per i tempi, oltraggioso e coraggioso, che mette la donna al centro e la fa scegliere pure.
Alla fine è sempre l'amore a vincere, questo è in fondo il tema trattato nel film.
In conclusione da vedere davvero.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.