Passa ai contenuti principali

Le regole del caos

Sabine de Barra, giovane paesaggista riceve l'incarico  di realizzare per Luigi XVII un giardino nella nuova residenza di Versailles, e dovrà lavorare fianco a fianco con Andrè de Notre con cui instaura una relazione sentimentale che tocca le ferite del passato di entrambi, ma sarà il piccolo caos di Sabine la chiave per realizzare il magnifico giardino per il re sole.

Una storia d'amore diversa dalle altre, un film che sa toccare i sentimenti del pubblico in maniera discreta, senza avere la presunzione di far prendere pacchi di fazzoletti.
E' un amore che nasce dalle ferite dei due protagonisti, ognuno si confronta con i propri demoni che fuoriescono non appena cominciano a provare qualcosa l'uno per l'altro.
Il talento di Sabine, in un primo momento è guardato con scetticismo, ma poi, quando cominciano a fidarsi di lei, si esprimerà tutto con la realizzazione di un bellissimo giardino, che esprimerà tutto ciò che sente per Andrè.
Una piccola rivoluzione sentimentale, capace di sorprendere come il bellissimo giardino realizzato dai due protagonisti.
L'ultimo film di Alan Rickman prosegue su un binario della raffinatezza, e della cura dei dettagli, dai costumi alle scenografie, fino alla recitazione e alla regia, curatissima del film.
Qui davvero ha dato il meglio di se Alan Rickman senza tralasciare nulla al caso.
Per alcuni il film potrebbe risultare noioso ma non lo è, primo perchè conquista con la sua semplicità, poi perchè è stato girato in maniera ispirata, quindi è impossibile non rimanerne colpiti.
A me è piaciuto, e credo che se lo guardiate piacerà anche a voi.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Carino ma sinceramente mi aspettavo di meglio e soprattutto un po' più di coraggio da parte dell'adorato Rickman, che aveva fatto faville da regista con L'ospite d'inverno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…