Passa ai contenuti principali

Le regole del caos

Sabine de Barra, giovane paesaggista riceve l'incarico  di realizzare per Luigi XVII un giardino nella nuova residenza di Versailles, e dovrà lavorare fianco a fianco con Andrè de Notre con cui instaura una relazione sentimentale che tocca le ferite del passato di entrambi, ma sarà il piccolo caos di Sabine la chiave per realizzare il magnifico giardino per il re sole.

Una storia d'amore diversa dalle altre, un film che sa toccare i sentimenti del pubblico in maniera discreta, senza avere la presunzione di far prendere pacchi di fazzoletti.
E' un amore che nasce dalle ferite dei due protagonisti, ognuno si confronta con i propri demoni che fuoriescono non appena cominciano a provare qualcosa l'uno per l'altro.
Il talento di Sabine, in un primo momento è guardato con scetticismo, ma poi, quando cominciano a fidarsi di lei, si esprimerà tutto con la realizzazione di un bellissimo giardino, che esprimerà tutto ciò che sente per Andrè.
Una piccola rivoluzione sentimentale, capace di sorprendere come il bellissimo giardino realizzato dai due protagonisti.
L'ultimo film di Alan Rickman prosegue su un binario della raffinatezza, e della cura dei dettagli, dai costumi alle scenografie, fino alla recitazione e alla regia, curatissima del film.
Qui davvero ha dato il meglio di se Alan Rickman senza tralasciare nulla al caso.
Per alcuni il film potrebbe risultare noioso ma non lo è, primo perchè conquista con la sua semplicità, poi perchè è stato girato in maniera ispirata, quindi è impossibile non rimanerne colpiti.
A me è piaciuto, e credo che se lo guardiate piacerà anche a voi.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Carino ma sinceramente mi aspettavo di meglio e soprattutto un po' più di coraggio da parte dell'adorato Rickman, che aveva fatto faville da regista con L'ospite d'inverno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.