Passa ai contenuti principali

Il Grido

Seconda recensione oggi, con il film Il Grido di Michelangelo Antonioni che racconta la storia di un uomo che comincia un vagabondaggio dopo che la sua donna l'ha lasciato per un altro uomo con sua figlia e incontra sempre la donna sbagliata per lui, nonostante le sue buone intenzioni di cambiar vita e ricominciare daccapo, è la vita che a volte ci mette nelle condizioni di non poter ricominciare daccapo.

Un film pessimista, si può dire questo de Il Grido, opera maiuscola di Michelangelo Antonioni che interseca il lato oscuro della vita Aldo, il protagonista, è un uomo qualunque con i suoi pregi e difetti che intelligentemente il regista non li mostra, perchè non è quello che ci interessa.
A lui interessa che lo spettatore si immedesimi nella sua storia amara e reale, perchè se da un lato molti dicono c'è sempre una via d'uscita, a volte la vita non te la presenta la via d'uscita se non in un altro modo che non vi dico per non spoilerare.
C'è sempre un  nuovo inizio, si ricomincia sempre? Direi di no, e Antonioni ce lo narra nudo e crudo gettandocelo in faccia se è possibile.
Ci dice chiaramente, non tenete fede a quello che vi dice la gente, sono solo storielle per consolarvi, la vita è amara, e a volte l'unico modo per uscirne è scegliere una strada angusta.
Il destino a volte sceglie per te, non sei tu a sceglierlo.
Con queste premesse possiamo forse dire che anche il titolo del film è evocativo. Il Grido è forse l'opera maiuscola di un regista che vuole raccontare il dramma di un uomo che vuole cambiare vita ma che la vita non lo ascolta, e allora fa una scelta drammatica che cambierà nettamente questa volta non la sua vita: ma la vita di tutti quelli che lo conoscono, anche se forse sono troppo impegnati per accorgersene.
Un film terribile da pelle d'oca, forse uno dei film più coinvolgenti di Antonioni che sceglie di essere amaro fin da subito, senza dare il contentino al pubblico, senza essere falso, anzi è spudoratamente sincero.
E scusate se è poco.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.