Passa ai contenuti principali

The Killing - Stagione 1

Prima sensazione a caldo...non sarà una brutta copia di Twin Peaks?
Man mano che avanzano le puntate però ha preso una impronta personale che mi ha fatto cambiare idea.
Chi ha ucciso Rosie Larsen? Vi ricorda qualcosa?
Eh si cari amici Twin Peaks ha fatto scuola, e questa serie si è ispirata parecchio al capolavoro di David Lynch e Mark Frost, pur rimanendo in binari perfettamente terreni, almeno fino alla prima stagione che ho terminato di vedere da pochi giorni.
Allora, andiamo al dunque...il mio parere eccovelo servito.
Mi è piaciuta man mano che andava avanti il mistero della morte di questa adolescente, trovata nel cofano di un automobile dentro un fiume?
Chi ha ucciso Rosie? Ora lo voglio sapere (ma attenzione non fate spoiler o vi strozzo hahaha).
Lo voglio sapere ma allo stesso tempo voglio seguire la serie che ben presto approderà con la seconda stagione - non vedo l'ora di vederla - per scoprire questo mistero.
Mi è piaciuta soprattutto perchè è costruita in modo semplice e diretto, senza fronzoli.
La prima stagione inoltre ha un che di misterioso che porta gli investigatori a diverse tracce, tra cui quella del professore creduto colpevole dell'omicidio, ma poi...ahia allllltttt, ok ok non spoilero, dico solo che è la parte che mi ha colpito di più, soprattutto quando avviene lo scontro con il padre di Rosie, che dopo la morte della figlia è un uomo distrutto.
Difficile dimenticare il suo pianto di sfogo prima del funerale, come è difficile non notare quanto questa morte sconvolga l'intera famiglia senza contare il consigliere, che aspira a diventare sindaco che usa sporchi trucchi per ottenere ciò che vuole.
Secondo me centra qualcosa con la morte di Rosie, anche se per sapere se i miei sospetti sono veri dovrò continuare a vederla.
Niente paura, non mi ci vuole poi molto a recuperare la seconda stagione per vederla. xD
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.