mercoledì 13 aprile 2016

Il Nascondiglio

Una donna che in passato è stata ricoverata in un ospedale psichiatrico, ha riacquistato lucidità e decide di acquistare un casale per aprire un ristorante...quello che non sa è che nel casale è accaduto un orrendo delitto.

Pupi Avati ritorna all'horror, genere con cui ha esordito e lo fa in maniera sorprendente, pur non presentando nulla di originale nella trama, forse il film pecca in questo e anche ha una struttura piuttosto  debole rispetto ad altri suoi film dello stesso genere.
Laura Morante è la protagonista, una donna che crede di rientrare nella pazzia perchè sente degli strani rumori provenire dalla casa che ha acquistato, finchè decide di indagare e di scoprire il terribile segreto celato dentro quella che in passato sarebbe stata una casa di cura per anziani gestita da suore.
Come sempre non vi dico il segreto celato altrimenti rischio di spoilerare, e se non avete visto il film vi rovino la sorpresa, quello che vi posso dire è che non è un film di fantasmi: tutto è reale e non è metaforico.
La trama del film è molto razionale, non c'è niente di paranormale, solo che la casa nasconde un gigantesco scheletro nell'armadio e lei deve sbrogliare l'intricata matassa per mettere alla luce questo segreto.
A me sinceramente è piaciuto, perchè qualche pregio ce l'ha: prima di tutto c'è una tensione palpabile per tutta la durata, il regista è bravo a non fare trapelare nulla fino alla fine; e, quando si scoprono tutti gli altarini che viene il bello.
Altarini che uno spettatore non si aspetta, ma che sono perfettamente cesellati alla trama, quasi come fosse un thriller contaminato.
I salti sulla sedia ce ne sono pochi, ma l'inquietudine è palpabile e non lascia mai lo spettatore, qualcosa di sinistro si cela tra le mura di quel casale...cosa potrà mai essere?
Per scoprirlo dovete guardare il film.
Senza infamia e senza lode sicuramente, anche se sinceramente gli preferisco altri film di Pupi Avati.
Voto: 6 e 1/2


4 commenti:

  1. All'epoca già il trailer televisivo mi metteva strizza, ricordo :/ non so perché però non ho mai approfondito la visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Approfondisci approfondisci, ;) il film non è male :)

      Elimina
  2. Ma sai che l'avevo visto al cinema 100 anni fa? Non mi aveva fatta impazzire ma ricordo ancora i nomi assurdi Liuba ed Egle, oltre alle risate fattemi con un amico XD

    RispondiElimina

Benvenuto alla Fabbrica dei sogni, I Commenti sono moderati, sei libero di esprimere il tuo parere che deve essere consono all'argomento del post e del blog, tieni presente però il rispetto per chi gestisce il blog e per chi ha un parere opposto al tuo.
Il proprietario del blog si prende la libertà di cancellare e censurare ciò che si allontana dallo scambio civile di pareri...siate felici, è solo un film!!! :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...