Passa ai contenuti principali

Mistress America

Comincia alla fabbrica dei sogni la special weeks, due settimane che vedo e recensisco film al cinema, cominciamo da Mistress America ultimo film di Noah Baumbach.

Tracy e Brook sono le rispettive figlie di un uomo e una donna conosciuti tramite internet che hanno deciso di sposarsi, così le due ragazze si conoscono su preciso invito della madre di Tracy, ovvero la sposa e comincia una amicizia il cui legame diventa indissolubile grazie alle mille avventure in cui la coinvolge Brooke con la sua vitalità.
Chi si aspetta un nuovo Frances Ha magari ci rimarrà deluso, anche se sinceramente parlando nonostante il film sia adorabile, è molto simile al precedente pur avendo una sua anima personale.
Anzi, ritraggo subito ciò che ho scritto, le tematiche sono piuttosto simili anche se il film è diverso, pur non avendo la stessa freschezza ispirativa.
Ma sono due opere differenti, e in questo vanno vissute in maniera differente, oltre ad essere delizioso, è anche la storia di una sincera amicizia le cui protagoniste si vogliono bene come sorelle, pur essendo due estranee.
Di positivo c'è che non è il primo film di Baumbach che vedo, e bene o male conosco le tematiche del regista che apprezzo particolarmente.
Di negativo non so, non ci vedo nulla di negativo anzi, direi che a differenza della prima pellicola scritta con la Gerwig, sia più maturo e stilisticamente sofisticato.
L'ambientazione Newyorkese fa da sfondo alla storia come in Frances Ha, che è e rimane una pellicola cult che richiama la nouvelle vague.
Qui invece sembra richiamare piuttosto alla lontana il cinema americano, in special modo quello di Woody Allen che Baumbach personalizza in maniera eccellente.
E così abbiamo un altro piccolo gioiellino da mettere nei vostri film preferiti, e ve lo assicuro io l'ho già messo, come anche il regista, che torna a scrivere con la sua compagna Greta Gerwig.
Che dire? Se l'ho amato io lo farete anche voi questo è poco ma sicuro.
Voto: 8


Commenti

  1. Non un nuovo cult come Frances Ha, però anche per me questo film è un gioiellino da non perdere!

    RispondiElimina
  2. "Frances Ha" mi aveva detto davvero poco. Questo proverò a recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si fallo perchè è davvero bello :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.