Passa ai contenuti principali

L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo

Brian Cranston, l'interprete di Brakin Bad è protagonista di L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo.
Che film ragazzi, mi è piaciuto perchè narra la storia del miglior sceneggiatore di hollywood tacciato di comunismo facendogli perdere per questo motivo il lavoro.
Lui non si scompose, e lavorò sotto falso nome vincendo persino gli oscar.

Quando la caccia alle streghe terminò, non ci credeva nessuno di essere stati presi in giro da Trumbo.
Lui con le sue idee in favore dei più deboli insospettì anche la cacciatrice di gossip, interpretata da una straordinaria Helen Mirren Hedda Hopper, ai tempi il suo parere e soprattutto i suoi "sospetti" venivano considerati importanti dai lettori e dal mondo "democratico" di hollywood.
Così Trumbo non potè firmare col suo nome capolavori come vacanze romane tra i tanti.
Finchè Otto Preminger sfidò Hollywood, e lo stesso fece Kirk Douglas che con i loro film lo fecero firmare con il suo vero nome.
Ma ormai la caccia alle streghe era al tramonto, compresa la paura per il comunismo.
Questo film mi è piaciuto, perchè parla senza mezzi termini di un evento antidemocratico in cui una persona non può scegliere il partito politico che lo rappresenta, senza essere tacciato per antiamericano.
Erano i tempi della guerra fredda, c'erano interessi in comune a prescindere la tua posizione politica.
Anzi a quei tempi era meglio non esprimere la tua posizione politica, e questo cari amici non è democratico.
Il film dura molto, ma passa e va che è una meraviglia, consigliatissimo se volete conoscere la storia del forse più grande sceneggiatore di hollywood che si è preso una rivincita su chi voleva farlo fuori.
Bella la scena di Otto Preminger che ride dopo aver scoperto che Trumbo sotto falso nome ha vinto due oscar, un bel calcio nel culo a chi voleva metterlo da parte per le sue idee politiche.
Bravissimo Brian Cranston, il ruolo di Trumbo sembra costruito a pennello per lui, altrettanto bravi i comprimari e il regista, che dirige forse il suo miglior film e cura i dettagli in modo particolarmente espressivo.
Uno squarcio di storia in cui il periodo narrato faceva in modo che nessuno potesse colpire l'america, negando persino la democrazia e tacciando chi la pensava diversamente da chi non aveva idee a favore del popolo.
Da vedere.
Voto: 8


Commenti

  1. Gran bel prodotto, con un Cranston spettacolare.
    E sono contento che, finalmente, Trumbo abbia avuto una certa visibilità.

    RispondiElimina
  2. per mia sventura in quel di brescia è rimasto da natale a san stefano nelle sale... quindi non sono riuscito a vederlo, a questo punto spero nel cinema all'aperto in estate...

    RispondiElimina
  3. Bryan "più grande attore del mondo" Cranston in una prova maiuscola, basta lui a perdonare alcune facilonerie del film, perchè è un grande ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh forse, comunque il film è molto bello, anche tutti gli altri attori sono stati bravi.

      Elimina
  4. Da me non è ancora arrivato... E non arriverà mai.
    Aspetterò altri modi di vederlo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.