Passa ai contenuti principali

Che cosa aspettarsi quando si aspetta

Un cast stellare per un piccolo film, potrei aggiungere che ci sono storie d'amore che più o meno nascono, un attrazione fisica che racchiude la sorpresa di una nuova vita e bla bla bla...
Una storia banalmente semplice che è resa un patrocchio da un autore incapace di prendere una direzione precisa, quando si fanno film con grandi nomi sono sicura che la motivazione precisa è quella di richiamare il grande pubblico per incassare, d'altro non si può dire, anche se ci sono bravi attori non è che il film è eccezionale o roba simile, avvolte è meglio fare un film con pochi personaggi ma buoni che fare un film con parecchi personaggi senza nessun legame preciso, a parte quello di sforzare lo spettatore a divertirsi, ma le risate non devono uscire spontanee? Quando mai per un film bisogna ridere a forza? Il problema di Che cosa aspettarsi quando si aspetta è proprio questa forzatura che il regista pretende dallo spettatore, mi viene voglia di rispolverare senti chi parla, con quel film SI che le risate venivano spontanee, anche se sinceramente non è tutto sto gran capolavoro ma le sganasciate di risate ti uscivano vero spontanee.
In questo film c'è una coppia che vuole un figlio a tutti i costi e programma persino una ovulazione, un altra coppia in cui l'arrivo del bebè è inaspettato, un altra coppia che vuole maturare con l'arrivo del pargoletto etc etc etc...non credete che ci sono fin troppi personaggi? Non credete che lo spettatore rischia di confondersi cercando di immedesimarsi in uno o in un altro personaggio?
L'unico momento migliore è la passeggiata dei papà, che trovo forse il più divertente dell'intero film, per il resto buio assoluto.
Ed è un peccato aver sprecato così tanti nomi di richiamo per un filmetto così banale, il film poteva senza dubbio essere migliore di come effettivamente è...peccato.





Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.