Passa ai contenuti principali

Non drammatizziamo, è solo una questione di Corna - Domicile Conjugal

Ok, forse il titolo italiano ironizza un po' troppo su questo film, che di per se sembra invece abbastanza serio, misteri della distribuzione.
Invece nonostante il borioso titolo italiano racconta la vita coniugale di Antoine Doinel, interpretato dall'attore feticcio di Truffaut, Jean-Piere Leaud, ora qui è diventato un uomo sposato e padre di famiglia, va tutto bene finchè non arriva una giapponesina che gli fa palpitare il cuore, c'è la crisi, il tentativo della moglie di riconquistarlo fino ad arrivare all'inevitabile divorzio, il tutto scandito con una dolcezza disarmante, come se Truffaut accompagnasse lo spettatore a osservare questi due sposi in silenzio, al centro di tutto c'è l'amore ed è sottolineato anche dal fatto che mette in evidenza il punto di vista di entrambi sia l'uomo che la donna, lasciando che lo spettatore capisse i loro sentimenti, e solo un grande regista come François Truffaut riesce a dare tutte queste emozioni con un film.
Non è un capolavoro, ma riesce a creare una alchimia con lo spettatore parlando di cose abbastanza semplici ma profonde.
Scegliendo la narrazzione carpisce meglio i sentimenti dei protagonisti e li trasfigura sullo schermo cinematografico, certo non siamo ai livelli di Jules e Jim o Le due inglesi anche se questo dobbiamo dire è un film diverso, che fa parte di una saga quindi si evita di fare confronti anche perchè sarebbero inopportuni, comunquesia è una divertente messa in scena sul matrimonio e sull'amore in generale,  non dico parodia perchè non lo è, ma sicuramente sottolinea che l'amore è imprevedibile, e che spesso va aldilà della nostra volontà, bravissimi i due attori protagonisti e soprattutto bravissimo anche François Truffaut che riesce a parlare d'amore e di problemi con assoluta leggerezza e freschezza, oggi film così non ne fanno più, al massimo sono commediole romantiche melense che spesso risultano vuote, invece questo film non è vuoto anzi, è reale e riesce a coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine, come se lui conoscesse i protagonisti ed è invitato a comprendere le loro ragioni.
DA COLLEZIONARE.



Commenti

  1. Mi sono sempre ripromesso di migliorare la mia conoscenza di Truffaut..potrei cominciare con questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di cominciare con i 400 colpi o Jules e Jim, perchè il primo titolo è il primo capitolo della saga di Doinel, che poi è un alter ego di truffaut ^_^

      Elimina
  2. Ho visto sia I quattrocento colpi che questo Non drammatizziamo. Si parla sempre dei 400 colpi come uno dei capolavori del regista mentre questo film è un po' sottovalutato. Devo dire che, non entrando in paragoni di merito, io rivedrei più volentieri questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si un pochino lo è, ma comunque è sempre un film di Truffaut e solo per questo va visto ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.