Passa ai contenuti principali

Le Belve

Oliver Stone torna al cinema con un film duro, spietato ambientato sul mondo dello spaccio di droga.
Protagonisti sono due amici che condividono l'amore per la stessa donna, e hanno molto successo nella vendita della droga, e questo non fa bene agli affari di una donna colombiana che ha intenzione di fare capire loro chi comanda come fa? Semplice: rapisce la donna a cui tengono.
Ma i due giovani le faranno capire che loro ne sanno una più del diavolo, facendosi aiutare da un poliziotto corrotto.
Come ho detto prima, Stone torna al cinema, e sceglie di portare sullo schermo un film abbastanza particolare, che di certo non aggiunge molto alla sua ragguardevole filmografia, ma che di certo non è una pellicola da buttare via, anzi, l'ho trovato diverso dagli altri film che ha diretto, ma nonostante ciò presenta dei pregi e anche dei difetti.
La pellicola si fa vedere bene, è violenta, disturbante, eccessiva fino al midollo, forse fin troppo eccessiva, naturalmente è logico che tutto questo eccesso è dato dall'ambientazione della pellicola e dalla storia raccontata.
Il cast di attori è allettante, mi è piaciuta particolarmente Salma Hayeck, la migliore del cast, mentre Blake Lively protagonista del serial cult Gossip Girl è senza dubbio la più sexy, capace di recitare in esplicite scene di sesso come in scene in cui duella con Salma, dimostrando di saper recitare in ruoli differenti dalla ragazzina dell'upper east side che tutti conosciamo; senza dubbio è un ruolo maturo, adulto, e ci vuole coraggio a recitare certe parti.
John Travolta invece è il poliziotto corrotto doppiogiochista, che poi fa una brutta fine, ma la parte dei leoni ce l'hanno i due amici, che riescono a liberare la giovane con un preciso stratagemma.
Lo stile documentaristico del film avvolte eccede, rallentando la tensione drammatica di alcune scene, la regia di Stone è pragmatica e lascia troppo spazio agli attori, che si cimentano nelle loro parti in maniera forse un po' troppo immedesimata, per portare sulle spalle un intero film, ma una nave senza un capitano che la guidi avvolte può deragliare, è questo il pericolo per questo film, che nonostante ciò viene salvato proprio dalla bravura degli attori, che sono capaci di impersonare i loro protagonisti.
Non il miglior film di Oliver Stone, ma senza dubbio un opera appetitosa, tutta da gustare.
NON MALE.


Commenti

  1. Non male, ma secondo me si poteva fare di più, non mi ha convinto totalmente e gli ho preferito il romanzo:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah è tratto da un romanzo? Non lo sapevo, grazie x la dritta :)

      Elimina
  2. Condivido, non male, un film che si guarda con piacere ma che poi con il tempo si dimentica presto... si poteva osare di più!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.