Passa ai contenuti principali

Le Belve

Oliver Stone torna al cinema con un film duro, spietato ambientato sul mondo dello spaccio di droga.
Protagonisti sono due amici che condividono l'amore per la stessa donna, e hanno molto successo nella vendita della droga, e questo non fa bene agli affari di una donna colombiana che ha intenzione di fare capire loro chi comanda come fa? Semplice: rapisce la donna a cui tengono.
Ma i due giovani le faranno capire che loro ne sanno una più del diavolo, facendosi aiutare da un poliziotto corrotto.
Come ho detto prima, Stone torna al cinema, e sceglie di portare sullo schermo un film abbastanza particolare, che di certo non aggiunge molto alla sua ragguardevole filmografia, ma che di certo non è una pellicola da buttare via, anzi, l'ho trovato diverso dagli altri film che ha diretto, ma nonostante ciò presenta dei pregi e anche dei difetti.
La pellicola si fa vedere bene, è violenta, disturbante, eccessiva fino al midollo, forse fin troppo eccessiva, naturalmente è logico che tutto questo eccesso è dato dall'ambientazione della pellicola e dalla storia raccontata.
Il cast di attori è allettante, mi è piaciuta particolarmente Salma Hayeck, la migliore del cast, mentre Blake Lively protagonista del serial cult Gossip Girl è senza dubbio la più sexy, capace di recitare in esplicite scene di sesso come in scene in cui duella con Salma, dimostrando di saper recitare in ruoli differenti dalla ragazzina dell'upper east side che tutti conosciamo; senza dubbio è un ruolo maturo, adulto, e ci vuole coraggio a recitare certe parti.
John Travolta invece è il poliziotto corrotto doppiogiochista, che poi fa una brutta fine, ma la parte dei leoni ce l'hanno i due amici, che riescono a liberare la giovane con un preciso stratagemma.
Lo stile documentaristico del film avvolte eccede, rallentando la tensione drammatica di alcune scene, la regia di Stone è pragmatica e lascia troppo spazio agli attori, che si cimentano nelle loro parti in maniera forse un po' troppo immedesimata, per portare sulle spalle un intero film, ma una nave senza un capitano che la guidi avvolte può deragliare, è questo il pericolo per questo film, che nonostante ciò viene salvato proprio dalla bravura degli attori, che sono capaci di impersonare i loro protagonisti.
Non il miglior film di Oliver Stone, ma senza dubbio un opera appetitosa, tutta da gustare.
NON MALE.


Commenti

  1. Non male, ma secondo me si poteva fare di più, non mi ha convinto totalmente e gli ho preferito il romanzo:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah è tratto da un romanzo? Non lo sapevo, grazie x la dritta :)

      Elimina
  2. Condivido, non male, un film che si guarda con piacere ma che poi con il tempo si dimentica presto... si poteva osare di più!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.