Passa ai contenuti principali

The Master

Paul Thomas Anderson torna dopo 5 anni dal capolavoro Il Petroliere, questa volta per raccontare una storia intimista, che ha un riferimento esplicito a un noto movimento settario noto come Scientology anche se nel film non si dice esplicitamente il nome della setta, chiamata The Cause in lingua originale, e La causa in italiano, i riferimenti a scientology sono palesi, anche se non so per quale motivo  Paul Thomas Anderson invece di fare una documentazione sulla setta in maniera esplicita, la nasconde sotto un altro nome, ma è palese che si tratta proprio del culto creato da L Ron Hubbard, potremmo forse chiamarlo il più grande difetto di questo film, che evitando di fare nomi altisonanti si evitano guai giudiziari? Non lo so, comunquesia conoscendo Anderson, mi sarei aspettata una pellicola coraggiosa, non una pellicola che si nasconde dietro maschere fittizzie.
Nonostante ciò è interessante conoscere il grado di "indottrinamento" del giovane reduce di guerra, interpretato da un grandissimo Joaquin Phoenix cresciuto davvero dentro una setta, i children of god con la sua famiglia. Joaquin interpreta Freddie Quell, un reduce di guerra che una volta tornato a casa devastato dalla guerra, ha una dipendenza all'alcool e al sesso, non ne fa una giusta e perde ogni lavoro che trova, fino a quando per un caso o per destino incontra Lancaster Dodd Philip Seymour Hoffman attore feticcio di Anderson, che qui interpreta il guru di The Cause che trascinerà il giovane Freddie nel vortice dell'annullamento di se, il giovane comincierà a non ragionare più con la sua testa, e aggredisce tutti coloro che criticano il culto di cui fa parte, arrivando a picchiarli anche fisicamente e a sbatterli fuori dalla porta a calci nel sedere.
Fino a quando si rende conto che le sue azioni lo stanno portando a cancellare la sua personalità per qualcosa di invisibile che sta cancellando a poco a poco la sua personalità.
Quando lo capirà sarà ormai troppo tardi, l'aspetto più interessante di questo film è il lato controverso di un culto, all'apparenza innocquo ma che nasconde un condizionamento capace di annientare la volontà e la personalità delle persone, qui Anderson avrebbe scavare più a fondo, prendere il bisturi e sottolineare con sguardo critico la pericolosità di certe comunità religiose, in parte lo fa, ma alla fine si ritira subito come spaventato da qualcosa, invece doveva farlo e il film ne avrebbe guadagnato parecchio.
Diciamoci la verità The Master è un ottimo film ma non è al livello del suo precedente film; resta comunque una pellicola interessante che mette in punto la facilità con cui l'uomo rimane vittima del lavaggio del cervello di presunti guru o santoni, vedendo la propria vita svuotarsi completamente.
Ruolo fondamentale ce l'ha Amy Adams che interpreta la moglie di Dodd, che sembra dimostrare di avere più palle sia del marito e di Freddie in moltissime occasioni, tragica la scena della sega in bagno che sottolinea l'unico contatto fisico che hanno lei è il marito, al di fuori dell'intimità normale tra marito e moglie, un ruolo maturo per un attrice che piano piano si sta facendo strada nell'ambiente di hollywood.
DA NON PERDERE







Commenti

  1. concordo Arwen, di sicuro non alla pari con Il petroliere, ma sicuramente un film imperdibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ha una regia impeccabile e curatissima, ma è come se non ha avuto il coraggio di andare fino in fondo, peccato...comunque l'analisi psicologica è incredibile :)

      Elimina
  2. per me è superiore al petroliere, film troppo poco andersoniano.
    comunque ne parlerò anch'io a brevissimissimo

    RispondiElimina
  3. Me ne hanno parlato tutti benissimo, devo vederlo al più presto.

    RispondiElimina
  4. Anch'io ne ho parlato e non l'ho né bocciato né ho gridato al capolavoro. Ne riparlerò sicuramente perché in futuro forse saprà riservarmi delle sorprese. Phoenix e Hoffman sono dei mostri di bravura: la scena del confronto è straordinaria.

    Ps: Ho visto chi c'è sulla testata del tuo blog e mi è venuta la scarlattina XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.