Passa ai contenuti principali

The Wicker Man

Autentico cult movie, da molti considerato il quarto potere dei film  horror e uscito negli anni settanta, è un film che mescola sapientemente il mistero, l'occulto e il paganesimo.
Ambientato in una piccola e rurale comunità, dove la religione non trova posto, gli abitanti sembrano strani, avvolte bizzarri, hanno dei comportamenti piuttosto liberi che nella normale civiltà non si vedono, e una bambina è scomparsa, ma nessuno di loro se ne cura poi tanto, anzi sembra che facciano di tutto per nascondere la verità, ma cosa è accaduto realmente alla piccola? E' davvero scomparsa?
Ragazzi ve lo dico subito, è un film imperdibile, primo perchè ti tiene sulle spine dall'inizio alla fine, poi perchè è girato benissimo e la storia è tutt'altro che facile, i personaggi sono descritti in modo solare ma dentro sono inquietanti, e nascondono ben più di cosa fanno realmente vedere.
La magia, l'occulto e i rituali sono i veri protagonisti, che sembrano essere un tuttuno con la gente della comunità, avvolte ti sembra di assistere a un musical, in alcuni momenti ci sono scene erotiche più celebrali che spinte, ma che fanno parte del credo della comunità.
Tra i protagonisti c'è un incredibile Christopher Lee, che solo per lui vale la pena di guardare il film.
State alla larga dal remake con Nicholas Cage, che mette in ombra questo autentico capolavoro e riduce il tutto con una semplice storia Thriller che  nulla ha a che fare con il misticismo di questo film.
Innanzitutto l'intreccio della storia è scritto in maniera incredibile, sembra che gli abitanti della comunità siano innocenti - sembra - ma ben presto scopriamo gli altarini, gradatamente Robyn Hardy furbescamente, svela a poco a poco le carte in tavola, lanciando la sfida allo spettatore, che si diverte a stare seduto in poltrona per capire come stanno realmente i fatti, e le carte sveleranno un intreccio macabro e inquietante che rimane indelebile nella vostra memoria.
CULTISSIMO DA NON PERDERE.




Commenti

  1. la musica ti strega e poi sei catturato anche tu, come il povero poliziotto:)

    RispondiElimina
  2. Film fantastico e assolutamente terrificante. Ha ispirato una generazione di film e registi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.