Passa ai contenuti principali

Una sconfinata giovinezza

Il dramma dell'Elzehimer diretto da un regista che vuole raccontare la storia di un imprenditore di successo, con un matrimonio invidiato da tutti, e che l'arrivo della malattia lo trasforma piano piano in un bambino.
Francesca, la moglie non riesce a capire come potrebbe aiutare quel suo povero marito, Lino, un tempo apprezzato giornalista sportivo,  che da una persona brillante si è trasformato per colpa della malattia in una persona irritante, incapace di controllare i suoi impulsi, e di fare attenzione alle parole che escono dalla sua bocca, e l'incomprensione degli amici, che non fanno che ridere mettendo in imbarazzo la moglie, che si trova costretta a soffrire in silenzio per le crisi di violenza di suo marito, che non riuscendo a frenare i suoi istinti arriva persino a picchiarla.
Possiamo dire che questa malattia è la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, su un rapporto che ha subito parecchi problemi e che bene o male è riuscito a rialzarsi, nonostante non abbiano avuto figli.
Francesca di accorge che non può abbandonare il marito quando questi, a causa dell'aggravarsi della malattia, si è trasformato piano piano in un bambino.
Francesca che nutre ancora amore per suo marito, decide di non mandarlo in un istituto e di tenerlo con se, trattandolo come un figlio piccolo.
Un film intenso e toccante questo di Pupi Avati, che ha come protagonisti un bravissimo Fabbrizio Bentivoglio e quest'attore dove è saltato fuori? Davvero molto molto bravo, e un altrettanto brava Francesca Neri, in un ruolo drammatico e toccante, direi quasi materno, tenete d'occhio questa attrice che è molto brava, ma Bentivoglio in questo ruolo difficile è gigantesco.
Ok, ci sono sempre quegli snob che dicono che gli attori bravi sono altri, io vi invito a guardare questo film e poi mi dite se avevo o non avevo ragione, essendo una persona sostiene il cinema italiano di qualità direi che ci siamo, perchè questo è un film di qualità, un grande film di qualità.
Pupi Avati si conferma un autore da scoprire e da stimare, un grandissimo regista, con questo film dirige un opera drammatica che coinvolge lo spettatore senza forzarlo in facili lacrime fasulle, l'empatia che scaturisce deriva soprattutto dalla storia, che trascende una tenerezza e poi dall'istinto materno innato in noi donne, perchè questo è un film molto femminile, la compassione che prova questa giovane moglie per il proprio marito è toccante, soprattutto c'è la comprensione, che nasce dall'amore di volere stare accanto a una persona che ha bisogno di noi, non è sacrificio, è amore il motivo per cui Francesca decide di stare accanto a suo marito, anche se diventa un bambino, che lei deve accudire.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Io non amo Bentivoglio, ma qui è stato molto bravo. Anche in scialla non mi è dispiaciuto. Poi se pensiamo che passa da film così a "Tutto tutto, niente niente" ci viene da chiederci il perché...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? Caspita :D ma comunque è molto bravo, dovrebbe fare sempre film così impegnati e complessi :)

      Elimina
  2. Sublime, toccante , delicato....
    Da non perdere....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.