Passa ai contenuti principali

Una sconfinata giovinezza

Il dramma dell'Elzehimer diretto da un regista che vuole raccontare la storia di un imprenditore di successo, con un matrimonio invidiato da tutti, e che l'arrivo della malattia lo trasforma piano piano in un bambino.
Francesca, la moglie non riesce a capire come potrebbe aiutare quel suo povero marito, Lino, un tempo apprezzato giornalista sportivo,  che da una persona brillante si è trasformato per colpa della malattia in una persona irritante, incapace di controllare i suoi impulsi, e di fare attenzione alle parole che escono dalla sua bocca, e l'incomprensione degli amici, che non fanno che ridere mettendo in imbarazzo la moglie, che si trova costretta a soffrire in silenzio per le crisi di violenza di suo marito, che non riuscendo a frenare i suoi istinti arriva persino a picchiarla.
Possiamo dire che questa malattia è la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, su un rapporto che ha subito parecchi problemi e che bene o male è riuscito a rialzarsi, nonostante non abbiano avuto figli.
Francesca di accorge che non può abbandonare il marito quando questi, a causa dell'aggravarsi della malattia, si è trasformato piano piano in un bambino.
Francesca che nutre ancora amore per suo marito, decide di non mandarlo in un istituto e di tenerlo con se, trattandolo come un figlio piccolo.
Un film intenso e toccante questo di Pupi Avati, che ha come protagonisti un bravissimo Fabbrizio Bentivoglio e quest'attore dove è saltato fuori? Davvero molto molto bravo, e un altrettanto brava Francesca Neri, in un ruolo drammatico e toccante, direi quasi materno, tenete d'occhio questa attrice che è molto brava, ma Bentivoglio in questo ruolo difficile è gigantesco.
Ok, ci sono sempre quegli snob che dicono che gli attori bravi sono altri, io vi invito a guardare questo film e poi mi dite se avevo o non avevo ragione, essendo una persona sostiene il cinema italiano di qualità direi che ci siamo, perchè questo è un film di qualità, un grande film di qualità.
Pupi Avati si conferma un autore da scoprire e da stimare, un grandissimo regista, con questo film dirige un opera drammatica che coinvolge lo spettatore senza forzarlo in facili lacrime fasulle, l'empatia che scaturisce deriva soprattutto dalla storia, che trascende una tenerezza e poi dall'istinto materno innato in noi donne, perchè questo è un film molto femminile, la compassione che prova questa giovane moglie per il proprio marito è toccante, soprattutto c'è la comprensione, che nasce dall'amore di volere stare accanto a una persona che ha bisogno di noi, non è sacrificio, è amore il motivo per cui Francesca decide di stare accanto a suo marito, anche se diventa un bambino, che lei deve accudire.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Io non amo Bentivoglio, ma qui è stato molto bravo. Anche in scialla non mi è dispiaciuto. Poi se pensiamo che passa da film così a "Tutto tutto, niente niente" ci viene da chiederci il perché...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? Caspita :D ma comunque è molto bravo, dovrebbe fare sempre film così impegnati e complessi :)

      Elimina
  2. Sublime, toccante , delicato....
    Da non perdere....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.