Passa ai contenuti principali

Broken City

E' un film avvincente l'ultimo diretto da Allen Huges, che qualcuno di voi ricorderà per aver diretto in coppia con il fratello Albert From Hell, la vera storia di Jack Lo squartatore, per questa pellicola che dirige solo lui, sceglie un argomento forte: un politico corrotto, interpretato da un sempre bravissimo Russell Crowe, ingaggia un giovane per far pedinare la moglie, che crede che abbia una relazione con un altro uomo, ma le cose non sono mai come sembrano, e il giovane si troverà incastrato in un gioco più grande di lui in cui dovrà scegliere da che parte stare e sbrogliare l'intricata matassa di misteri, segreti e bugie intorno al sindaco, che fa di tutto per vincere le elezioni, la qualsiasi anche a costo di far fuori qualcuno che gli mette i bastoni tra le ruote...riuscirà il nostro giovane amico a far cadere tutte le maschere? E il sindaco che ha un asso nella manica, riuscirà a tenere in pugno colui che lo sta aiutando? Oppure dovrà fare i conti con una realtà che non conosce perchè il giovane non si fa comprare facilmente?
E' un film intrigante e coinvolgente questo diretto da Hughes, che inserisce un cast stellare per una storia che colpisce dall'inizio alla fine.
La figura del politico corrotto ricorda molto i cattivi del cinema classico e Russell Crowe lo interpreta in maniera convincente riuscendo all'inizio a creare una specie di empatia con il pubblico.
Nemmeno il giovane ex poliziotto che lo aiuta è uno stinco di santo, ma riuscirà a dargli una lezione che non dimenticherà più per il resto della vita.
Anche se il politico giocherà il suo asso nella manica, l'ex poliziotto non si farà incantare dal suo ricatto che non servirà a niente, perchè il giovane non si fa vendere, quindi anche l'asso nella manica ricade sul politico, ma non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa.
Ma cosa c'è in ballo di così grande per il politico? Cosa nasconde l'uomo che parla con sua moglie?
Il film pur non presentando nulla di nuovo riesce ad essere intrigante al punto giusto, grazie a un plot scritto benissimo e a una regia appetitosa che strizza l'occhio al pubblico come per giocare con lui.
In conclusione, anche se il film non è un capolavoro è fatto abbastanza bene, coinvolge e intriga ad ogni scena compresi i colpi di scena che vengono quando meno te l'aspetti.
APPETITOSO.






Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.