Passa ai contenuti principali

Broken City

E' un film avvincente l'ultimo diretto da Allen Huges, che qualcuno di voi ricorderà per aver diretto in coppia con il fratello Albert From Hell, la vera storia di Jack Lo squartatore, per questa pellicola che dirige solo lui, sceglie un argomento forte: un politico corrotto, interpretato da un sempre bravissimo Russell Crowe, ingaggia un giovane per far pedinare la moglie, che crede che abbia una relazione con un altro uomo, ma le cose non sono mai come sembrano, e il giovane si troverà incastrato in un gioco più grande di lui in cui dovrà scegliere da che parte stare e sbrogliare l'intricata matassa di misteri, segreti e bugie intorno al sindaco, che fa di tutto per vincere le elezioni, la qualsiasi anche a costo di far fuori qualcuno che gli mette i bastoni tra le ruote...riuscirà il nostro giovane amico a far cadere tutte le maschere? E il sindaco che ha un asso nella manica, riuscirà a tenere in pugno colui che lo sta aiutando? Oppure dovrà fare i conti con una realtà che non conosce perchè il giovane non si fa comprare facilmente?
E' un film intrigante e coinvolgente questo diretto da Hughes, che inserisce un cast stellare per una storia che colpisce dall'inizio alla fine.
La figura del politico corrotto ricorda molto i cattivi del cinema classico e Russell Crowe lo interpreta in maniera convincente riuscendo all'inizio a creare una specie di empatia con il pubblico.
Nemmeno il giovane ex poliziotto che lo aiuta è uno stinco di santo, ma riuscirà a dargli una lezione che non dimenticherà più per il resto della vita.
Anche se il politico giocherà il suo asso nella manica, l'ex poliziotto non si farà incantare dal suo ricatto che non servirà a niente, perchè il giovane non si fa vendere, quindi anche l'asso nella manica ricade sul politico, ma non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa.
Ma cosa c'è in ballo di così grande per il politico? Cosa nasconde l'uomo che parla con sua moglie?
Il film pur non presentando nulla di nuovo riesce ad essere intrigante al punto giusto, grazie a un plot scritto benissimo e a una regia appetitosa che strizza l'occhio al pubblico come per giocare con lui.
In conclusione, anche se il film non è un capolavoro è fatto abbastanza bene, coinvolge e intriga ad ogni scena compresi i colpi di scena che vengono quando meno te l'aspetti.
APPETITOSO.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.