Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 1 - Puntata 5 - Pulp Fiction

Club Silencio...
Special settimanale della fabbrica dei sogni curato da Arwen Lynch
Questa settimana si parla di Pulp Fiction, capolavoro di Quentin Tarantino, che ha cambiato hollywood e il modo di fare cinema, un opera che potremmo definire un moderno classico ma anche un opera  innovativa che è diventata un icona

Questa settimana non sono sola, accanto a me c'è Il Karda che gentilmente ha dato il suo contributo a questo special, comincia a parlare lui, poi continuo io.

Ho visto Pulp Fiction infinite volte, ma sempre e solo sulla TV di casa. Da solo, coi genitori, con gli amici, con mia moglie (santissima donna che sopporta le mie farneticazioni cinefile), ma sempre e solo in TV.

Ieri, finalmente, l'ho visto al Cinema, ed è stata sicuramente la volta in cui l'ho apprezzato di più, pur conoscendolo a memoria (e ripetendo come il peggior nerd le battute man mano che venivano pronunciate). Non c'è niente da fare, il Cinema dà delle emozioni uniche e inimitabili. Eppure, è solo uno schermo più grande. Già, ma è proprio l'atmosfera che cambia. L'arrivo, la discesa fino alla sala, la presa del posto e l'attesa che il film cominci, sono ingredienti unici ed essenziali perché cambi totalmente la prospettiva. Il silenzio (che dovrebbe essere sempre "religioso", soprattutto durante questo film), il buio in sala, l'inizio del film. Ieri ho provato delle sensazioni che raramente avevo provato sul divano di casa: la pelle d'oca durante i primi dieci minuti di proiezione, dalla schermata in stile "dizionario" al dialogo tra Coniglietta e Zucchino, dal dialogo tra Jules e Vincent su Amsterdam e le piccole differenze fino a quello sul massaggio ai piedi e su Tony Rocky Horror al quale Marsellus Wallace "ha incasinato il modo di parlare". La pelle d'oca. Mi era capitato forse solo in occasione della "Ri-visione" al cinema di Ritorno al Futuro, altro film che avrò visto mille volte in TV, ma che ho amato come non mai vedendolo quella volta in sala. Questa cosa della riproposizione cinematografica di film epocali, pur avendo una connotazione totalmente commerciale per le case di distribuzione e le grandi catene di cinema, per molti appassionati, come me, si trasforma invece in una ghiottissima occasione utile per vedere i propri film preferiti come mai avevano potuto prima.

E' inutile stare qui a sperticarmi di lodi su Pulp Fiction, perchè sarebbe sin troppo facile, essendo questo il mio film preferito in assoluto. Non voglio fare nemmeno una recensione. Perchè non sarebbe obiettiva. E poi verrei sopraffatto dalla meraviglia di cui i miei occhi si riempiono ogni volta che incrociano quei fottutissimi fotogrammi così geniali. Mi sono divertito a raccogliere dall'aiuola sterminata del web immagini animate (GIF) delle tante scene epiche disseminate lungo tutti i 154 minuti di questo film fantastico, stupendo e indescrivibilmente emozionante. E ora ve ne faccio dono.









Grazie Karda, ora comincio io.
Per me Pulp Fiction ha rappresentato una di quelle pellicole che alla prima visione non riesci a centrare bene, l'ho visto aspettandomi forse un po' troppo da lui, abituata al cinema di Scorsese, Coppola e tanti altri, questo film, così iconico e in un certo senso labirintico - si cambia direzione in continuamente con Pulp Fiction e finisci per perderti, ma se lo si guarda con un altra prospettiva la cosa cambia - lo dico subito, non mi è piaciuto.
Cominciai ad apprezzare questo film esattamente 14 anni fa, che lo rividi con maggiore attenzione, e capii di avere davanti un opera tutt'altro che scontata e stupida, ma un grande grandissimo film.
Il primo impatto con un opera di Tarantino se non si ha abbastanza esperienza con la cinefilia, e la visione di molti film può essere difficile, ora che guardo in media dai 2-3 film al giorno, sono molto abituata, a masticare cinema, nel mio piccolo bisogna SEMPRE sottolinearlo lo vedo ovviamente con una luce nuova.
Pur trovando che generalmente Tarantino sia un regista capace di incollarti allo schermo, è un grandissimo citazionista oltre che miscelatore di generi e stili, che poi crea una storia e la da al suo pubblico alla sua maniera.
Questo lo sanno fare in pochi, e sono molti che lo fraintendono.
Ma in ogni inquadratura dei suoi film, non di meno Pulp Fiction si nota il suo grande amore per il cinema. Quando cominciai ad apprezzare Pulp Fiction ho deciso di vedere gli altri suoi film e leggere molti articoli su di lui, capì talmente tante cose,che non poteva essere etichettato come un regista hollywoodiano nel senso classico del genere, si perchè Pulp Fiction ha cambiato il modo di fare cinema a hollywood, ed è diventato fonte di ispirazione per moltissimi registi, come esattamente è accaduto  a lui che ha macinato per anni opere di Fulci, Bava e Tanti altri, quando era commesso ai video archives.
Regista cinefilo, ma anche autore capace di riesumare dalla tomba attori, in questo caso John Travolta, ma in Jackie Brown ripesca la ormai mitica per me Pam Grier con Robert Forster, che sono rimasti per molto periodo lontani dal successo, rinverdendone la carriera, far conoscere registi attraverso le sue citazioni dimenticati, o perduti, riesumare dalla tomba film di cui nessuno si ricorda più.
Lo dico subito, nessun regista riesuma attori e registi che in un certo senso sono rimasti lontano dai riflettori del successo, Tarantino, da grande cinefilo qual'è, lo fa, e con risultati strabilianti.
Con Tarantino l'arte del cinema si rinnova, ed il solo fatto che questo mitico film ha ormai 20 anni, e non ha perso lo smalto del tempo che passa, lo dimostra.
Una ventata d'aria fresca a hollywood, capace solo di costruire giocattoloni privi di spessore o amore per la settima arte, palma d'oro a cannes nel '1994, da sottolineare, e dobbiamo pur dire che ha aperto la strada a parecchio cinema indipendente, e ora sia case cinematografiche indipendenti, che attori e/o registi dello stesso tipo, hanno trovato una strada per cui farsi notare...
Un capolavoro...nient'altro da dire...




articolo di Repubblica sui 20 anni di Pulp Fiction








Queste sono alcune delle scene di questo mitico film che sono entrate nella storia, come del resto un film come Pulp Fiction è un icona e lo resterà per le nuove e le future generazioni.
Un film difficile all'inizio, ma che una volta preso, ti conquista e non ti lascia più.
Ovviamente parlo per me, non so voi, ma io credo che pure i nostri nipoti, un giorno se ne avremmo, parleranno di Pulp Fiction e lo ameranno, siete daccordo con me?
Ok, appuntamento a sabato prossimo con una puntata speciale  - in generale - dedicata a David Lynch e al suo cinema, perchè è bene ricordare anche i registi per ora assenti, e soprattutto il contributo fondamentale che hanno dato alla settima arte, se volete partecipare a scrivere qualcosa su David scrivetemi qui lafabricadeisogni@gmail.com.
Bene, per ora è tutto, alla prossima :)

Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.