Passa ai contenuti principali

Son De Mar

Bigas Luna calmati per un attimo i bollenti spiriti, dirige una storia d'amore, con al centro un triangolo.
Ulisses è insegnante di letteratura, e prende stanza in una pensione locale,dove incontra Martina di cui si innamora a prima vista, sembrerebbe l'inizio di un grande amore, che sfocia in un matrimonio e la nascita di un bambino, finchè dopo una festa Ulisses  sparisce senza un apparente motivo...quando dopo anni Martina si lega a Sierra un imprenditore edile, e si risposa...ma un giorno una telefonata anonima manda a gambe all'aria la vita ordinata di Martina, dall'altro capo del telefono c'è Ulisses che le rivela di aver viaggiato in giro per il mondo e di non averla mai dimenticata...è l'inizio di una relazione clandestina che sfocierà in tragedia.

Film tratto dall'omonimo romanzo di Manuel Vincent, è la storia di un triangolo che finisce in tragedia, un film a tinte forte, ben più maturo e lodevole di altri film che il regista spagnolo ha portato sullo schermo.
Da segnalare inoltre l'esordio sul grande schermo di Leonor Watling nel ruolo di Martina, si dice che il grande Pedro Almodòvar l'abbia scelta dopo aver visto questo film per il suo capolavoro Parla con Lei.
Tra i film di Bigas Luna che ho visto, questo è senza dubbio il migliore, perchè nonostante l'origine letteraria, sa farsi apprezzare per il coinvolgimento esercitato grazie a una regia perspicace e attenta nei dettagli, ma soprattutto nella storia d'amore tra i due protagonisti.
E' un amore travolgente che li avvilupperà per il resto della vita, a nulla servirenno le azioni del nuovo marito di Martina per vendicarsi, perchè alla fine resterà solo, facendo capire allo spettatore che l'amore vero per lei era quello con Ulisses, non con Sierra, che alla fine dimostrerà una cattiveria inaudita, tutta segnata dalla vendetta per il tradimento scoperto.
Ma l'amore, tra Ulisses e Martina è troppo forte per accettare compromessi, nonostante tutto i due è ormai palese che si rimettono insieme, anche se questo vorrebbe dire rischiare di morire e non tornare più.
Questa volta si concentra su una storia letteraria, che non lascia spazio a quello che vogliamo prestabilire noi, ma anzi lo distrugge, lo disintegra, perchè l'amore non si può prestabilire, quando viene è imprevedibile, impetuoso, e peggio ancora folle.
Un bel film, che senza dubbio merita una riscoperta...e una rivalutazione.
Bravi i due attori protagonisti, compreso il comprimario, belle regia e sceneggiatura.
Voto: 7

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.