Passa ai contenuti principali

Son De Mar

Bigas Luna calmati per un attimo i bollenti spiriti, dirige una storia d'amore, con al centro un triangolo.
Ulisses è insegnante di letteratura, e prende stanza in una pensione locale,dove incontra Martina di cui si innamora a prima vista, sembrerebbe l'inizio di un grande amore, che sfocia in un matrimonio e la nascita di un bambino, finchè dopo una festa Ulisses  sparisce senza un apparente motivo...quando dopo anni Martina si lega a Sierra un imprenditore edile, e si risposa...ma un giorno una telefonata anonima manda a gambe all'aria la vita ordinata di Martina, dall'altro capo del telefono c'è Ulisses che le rivela di aver viaggiato in giro per il mondo e di non averla mai dimenticata...è l'inizio di una relazione clandestina che sfocierà in tragedia.

Film tratto dall'omonimo romanzo di Manuel Vincent, è la storia di un triangolo che finisce in tragedia, un film a tinte forte, ben più maturo e lodevole di altri film che il regista spagnolo ha portato sullo schermo.
Da segnalare inoltre l'esordio sul grande schermo di Leonor Watling nel ruolo di Martina, si dice che il grande Pedro Almodòvar l'abbia scelta dopo aver visto questo film per il suo capolavoro Parla con Lei.
Tra i film di Bigas Luna che ho visto, questo è senza dubbio il migliore, perchè nonostante l'origine letteraria, sa farsi apprezzare per il coinvolgimento esercitato grazie a una regia perspicace e attenta nei dettagli, ma soprattutto nella storia d'amore tra i due protagonisti.
E' un amore travolgente che li avvilupperà per il resto della vita, a nulla servirenno le azioni del nuovo marito di Martina per vendicarsi, perchè alla fine resterà solo, facendo capire allo spettatore che l'amore vero per lei era quello con Ulisses, non con Sierra, che alla fine dimostrerà una cattiveria inaudita, tutta segnata dalla vendetta per il tradimento scoperto.
Ma l'amore, tra Ulisses e Martina è troppo forte per accettare compromessi, nonostante tutto i due è ormai palese che si rimettono insieme, anche se questo vorrebbe dire rischiare di morire e non tornare più.
Questa volta si concentra su una storia letteraria, che non lascia spazio a quello che vogliamo prestabilire noi, ma anzi lo distrugge, lo disintegra, perchè l'amore non si può prestabilire, quando viene è imprevedibile, impetuoso, e peggio ancora folle.
Un bel film, che senza dubbio merita una riscoperta...e una rivalutazione.
Bravi i due attori protagonisti, compreso il comprimario, belle regia e sceneggiatura.
Voto: 7

Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.