Passa ai contenuti principali

Blood Ties

Blood Ties è un remake.
Ok, ora risuona la campanellina della solita critica cinematografica che ovviamente confronta originale con il remake, io non ho visto l'originale, quindi parlo del remake.
Mi è piaciuto, sia per quanto riguarda l'intreccio, sia per la regia attenta e lucida.
Il cast è da filmone, solo per i nomi val la pena andarlo a vedere, e cito Marion Cotillard, Billy Croudup, James Caan, Clive Owen, Mila Kunis, Zoe Saldana...ok, ok ho capito...mi avete capito no?
Ma si dai, ovviamente non si tratta del solito e semplice film d'attori dove il tutto lo fanno gli attori, ma di un solidissimo film che mi ha sorpreso non poco.
Questa è la storia di due fratelli, che sono completamente l'opposto l'uno dell'altro, il poliziotto, ligio al dovere, ragazzo onesto, il minore, un delinquente il maggiore, e sembra che il padre preferisca il figlio + delinquente invece che il poliziotto, questo fa si che nascano conflitti in famiglia.
Ma il sangue spesso ha dei codici morali e comportamentali, che richiedono la cura delle persone che rappresentano la tua famiglia,e quando il maggiore si trova immischiato in casini più grandi di lui, fa di tutto per proteggere la sua famiglia, diventata ormai bersaglio di delinquenti ancora più spietati di lui.
In sostanza è questa la trama del film, pieno di chicche e di colpi di scena attentamente studiati da una regia perspicace che sa come raccontare una storia e soprattutto un film.
Mi ispirava moltissimo questo film e devo dire che le aspettative sono state pienamente soddisfatte, coinvolgente dalla prima all'ultima scena, incalzante, non perde mai di mira il ritmo, e cosa volete chiedere a un film se non questo?
Guillaume Canet che è stato interprete del film originale francese, ne dirige il remake, capisce il peso da sostenere soprattutto per chi confronta la pellicola da cui è tratto, e ne fa un opera personale, evitando i soliti clichè espressivi che capitano soprattutto a chi non sa tenere in mano una macchina da presa.
Un cast eccezzionale, ma questo l'ho già detto mi sembra...una regia attenta e sincera ma personalissima, ne fanno un titolo da non perdere sicuramente.
In conclusione, mi è piaciuto: ma questo l'avete già capito non è vero?
Non si tratta di un opera furba, ma di un film capace di esplodere, come facevano tante vecchie volpi soprattutto negli anni settanta, da cui il film trae molte ispirazioni.
Consigliatissimo, nonostante sia un remake.
Voto: 8




Commenti

  1. secondo me invece è un po' tirato per le lunghe, e - per quanto non mi sia dispiaciuto - il ritmo lo perde un po' troppo spesso... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah dici? Io invece l'ho trovato coinvolgente, non ci si accorge proprio che tira per le lunghe, ma sai sono le diverse reazioni che ti insegnano sempre qualcosa in più :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.