Passa ai contenuti principali

Les Amants Criminels

Fin ora ho visto François Ozon, alle prese con i più disparati generi cinematografici, che vanno dalla commedia, al melò, fino al noir, ma mai mi sarei aspettato da lui un vero e proprio thriller...ma attenzione, non è un thriller sofisticato, il film è a tratti horror, avvolte spietato, sputato in faccia, di certo può anche non piacere...però che thriller, eh? Fossero tutti così avremmo risolto il problema della grande crisi del cinema di genere che investe ormai da anni a questa parte.
Ci penza Ozon a smuovere le acque, in passato avete letto parecchie recensioni di questo regista, che sinceramente apprezzo molto, e stasera ho scelto per una seconda recensione Les Amants Criminels.

La storia si ispira a un poema dello stesso François Ozon scritto con Marina de Van, a sua volta ispirato al poema di Arthur Rimbaud Nuit a L'enfer e si attinge alla fiaba di Hansel e Gretel i cui toni del film sono gotici, e creano dei cambiamenti morbosi e voyeristici.
La trama racconta di due adolescenti, Alice e Luc, che uccidono un loro amico per aver fatto avance inopportune alla ragazza, ma proprio quando devono sbarazzarsi del corpo, si trovano faccia a faccia con uno spietato assassino, che gli farà subire, torture fisiche e psicologiche.
Riusciranno ad uscire vivi questi antieroi maledetti?
Ozon si diverte a giocare con lo spettatore, se nella migliore delle ipotesi, le regole del thriller sono quelle in cui noi ci aspettiamo delle indagini con i poliziotti che smascherano i colpevoli, e magari viviamo fianco a fianco con i colpevoli, vedendo come possono fottere i poliziotti, lui invece sovverte le regole del genere, come il rovescio della medaglia.
Se da un lato sono colpevoli di aver fatto fuori un ragazzo, ora i carnefici diventano vittime a loro volta di un altro carnefice, per sfiga, o per un caso furtuito, questo non ce lo dice; ci mostra come il fato abbia accettato una sfida e a sua volta abbia sfidato questi impudenti assassini, da un altro c'è il rovescio della medaglia: come dire non fare agli altri ciò che non piace aver fatto a te, e come ti sentiresti se al posto di quel ragazzo ci fossi tu nelle fauci di un assassino psicopatico?
Ozon per questo film ha avuto parecchie ispirazioni, soprattutto per gli horror americani, che ovviamente non appesantiscono l'opera, anzi, la rendono parecchio citazionista, e questo vuole essere un complimento.
La violenza genera sempre altra violenza, ben più feroce di quella che hanno innescato i due protagonisti del film, come conseguenza dei loro gesti malsani, in  pratica la morale del film è questa qui.
Voto: 8






Commenti

  1. un ozon che ancora mi manca, vedrò di recuperarlo. prima o poi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.