Passa ai contenuti principali

Nasce Screen Cult...Nuova rassegna per La Fabbrica dei sogni

Eh si, ora lo dico chiaramente, anche se è sempre stata presente, ma ufficialmente non aveva un suo marchio, o logo, o per meglio dire una sezione, apre ufficialmente una tipologia di film, che curerò minuziosamente perchè ci tengo, denominata ScreenCult e c'è anche l'asterisco, così la si conosce subito.
La foto di Henry Spencer non è messa lì a caso, il protagonista del supercult che più cult non si può,  dell'opera d'esordio di David Lynch Eraserhead - La mente che cancella mi pare il testimone adatto per parlare di cinema, ma che tipo di cinema voglio parlare?
Film d'autore, film d'essai, quel genere di cinema che non può essere denominato come puro trattenimento, ma opere capaci di trascendere il tempo, e sapete una cosa? La Fabbrica dei sogni è piena zeppa di questi film, volete un esempio? Eccolo...
Ingmar Bergman, Uno dei padri del cinema d'autore, che io adoro...presto il tag sarà presente anche nelle recensioni che ho pubblicato, insieme alle recensioni che prossimamente saranno presenti qui alla fabbrica :)
Michelangelo Antonioni che devo approfondire per bene, e con questa rassegna, o rubrica ne approfitto per mettere in programma i suoi film, ne vedrete delle belle amici ;)
Robert Bresson il suo nome è tutto un programma...prestissimo vedrete altre recensioni ai suoi film.
Andreij Tarkovskij Immancabile, in un blog di cinema che si rispetti.
Alexandr Sokurov, anche questo è un regista che devo assolutamente approfondire...e questi sono alcuni dei registi Bergman a parte, che è quello di cui ho scritto più recensioni tra questi, che in un modo o in un altro si sono affacciati timidamente in questo blog, che intendo trasformare in un blog serio e ricercato, ovviamente non mancheranno i meri cult movies, come film di genere, di cui in passato sono stati curati opere di Mario BavaLucio Fulci, e tanti altri, alcuni li ho curati parecchio, altri devo lavorarci su, ma il tempo fortunatamente non mi manca e mi posso dedicare anima e corpo a una cosa che amo, ossia il cinema, non sono mai sazia di cinema e ve ne darò prova, perchè oltre a una curiosità spropositata, e ora elenco alcuni registi che ho approfondito e sono entrati ormai nel mio olimpo, c'è una voglia matta di conoscere, di scoprire che non si accontenta di restare ancorata a una tipologia di film, perchè con me sarebbe impossibile, ma che va oltre il concetto stesso di intrattenimento, per me il cinema è studio, approfondimento, ricerca, allontanandomi da certi commenti di cui non mi riconosco vi dico solo una cosa, se amate una cosa fatela vostra, sentitela nel vostro cuore e buttatevi a capofitto, come sto facendo per ora, non disdegno certo il cinema d'autore, o anche d'evasione, l'approfondimento e la ricerca, anche se io lo chiamo più studio che intrattenimento, ma mi piace guardare film, e mi piace anche parlarne, di qualsiasi genere, tipologia, e via dicendo, con una particolare attenzione verso un genere che sento molto vicino come il cinema cult, o d'essai o anche d'autore, insomma avete capito dove va la mia direzione e il mio cuore no?
Ecco i registi che ho approfondito, si va dal genio pazzo danese di Lars Von Trier ai mitici fratellini Joel e Ethan CoenDavid Lynch, di cui ho preso la seconda parte del mio nome di battaglia, e di cui sono una fan sfegatata nonchè una delle più esperte in materia, soprattutto qui in italia, chiedetemi tutto e vi saprò rispondere su David.
David Cronenberg invece è stato il primo regista di cui ho curato una rassegna qui alla fabbrica, e poi ho terminato anni dopo, e non mi vergogno di dire di aver scoperto un grandissimo genio della settima arte, imprescindibile sia per il cinema di genere, che per altre sue opere.
Il cinema d'autore include anche opere indipendenti, e Gus Van Sant è senza dubbio uno degli esponenti più importanti, qui alla fabbrica potrete trovare la sua filmografia intera.
Vi svelo una chicca...la mia ultima cotta? Marco Ferreri nella listona dei film in attesa di recensione potete trovare La Carne e l'ultima donna che prossimamente verranno recensiti qui.
E credete che il tutto si ferma qui? L'articolo sta andando per le lunghe me ne rendo conto, li segno e chiudo con una piccola provocazione, non per chi mi legge per carità, loro sanno qual'è il mio percorso visto che mi seguono, ma per chi ha la puzza sotto il naso...mi avete capito no? ;) Qui si parla di cinema allora, continuiamo? Evvai su, non mancano gli autori per eccellenza della Nouvelle Vague, Jean-Luc Godard, e François Truffaut, devo continuare ad approfondire questo movimento non ne posso fare a meno...mi accorgo solo adesso che manca Chabrol, ero convinta di aver recensito qualche suo film, va bene lo posso pure fare, non c'è nessun problema dopo tutto :).
E sapete che amo il cinema surrealista, onirico, pieno di sfaccettature no? Potevo visto che sono fan di Lynch, non approfondire quello che ritengo il suo maestro? Signore e signori ecco a voi Luis Bunuel, non siete ancora convinti? Ebbene vi accontento subito, sapete che vado sempre avanti nelle cose, e visto che l'anno scorso ho visto Enter The Void che mi è piaciuto parecchio, ho preparato già allora tutti ma proprio tutti i film di Gaspar Noè e presto li vedrete qui alla fabbrica, intanto ecco l'unico film recensito finora Enter The Void.
Tra i grandi maestri, non posso non citare Federico Fellini che considero il miglior regista italiano di sempre, vi mostro inoltre altri autori conosciuti grazie all'amico J.Doinel grande cinefilo con cui parlo di cinema e devo ringraziare pubblicamente per avermi fatto conoscere la maggioranza degli autori sopraelencati, senza di lui non sarei approdata a molti registi, tra cui elenco Lukas Moodyson, e a proposito di film Tomboy lo conoscete? No? Bene, ecco la recensione di questo straordinario film, ho cercato un altro film della Sciamma, ma non l'ho trovato, bene approfittiamo di questo momento per ampliare la conscenza e presto lo troverete recensito. Aaaaaaaaah non posso non parlare di Kynodonthas film praticamente sconosciuto qui in Italia, dovrei cercare altri film di Lantymos, che fa li cerco? Eh si dai...visioni, su visioni, su visioni si susseguono e quest'anno saranno innumerevoli le visioni di film che saranno presentissimi alla fabbrica e nei miei schermi ovviamente, come diceva il grande Albertone, maccherone m'hai provocato? E mo te magno, e allora spingiamoci fino all'estremo con il cinema che prediligo e, dopo che sono stata presa in giro e praticamente accusata - senza alcuna prova - di vedere solo film di cassetta, e fortunatamente è un unica voce fuori dal coro, vi dimostro che non racconto mica balle, quello che è nato con questo blog, che sarebbe sprecato se lo usassi solo per le uscite cinematografiche o per nomi altisonanti delle majors di hollywood, a cui sto lontana perchè praticamente producono veramente avvolte film di cui bisogna mettersi la maschera in faccia, ma non mi dilungo oltre, questi sono alcuni dei film/registi che ho preso in considerazione, che si sono affacciati timidamente, anche per un solo film, ma che sono PRESENTI alla fabbrica dei sogni, presto per questa nuova sezione/rubrica ci saranno
Ida, altro bel film indipendente, Upstream Color e tanti altri, ma ci sarà anche una sezione dedicata al cinema orientale che è il mio preferito IN ASSOLUTO, e Takeshi Miike? Vi ho sorpresi vero? Ebbene si, sarà presente anche con Visitor Q, un film pazzesco, unico in una parola Incredibile, e ci sarà pure Harmony Korine e ora? Chi dice che vedo solo film di cassetta, scagli la prima pietra :)
ARWEN!!!




Commenti

  1. Bella idea, aspetto di vedere cosa ci proporrai di bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanta roba Frank, non a caso è una tipologia di film che seguo da sempre :) perciò devo lanciarmi alla ricerca di opere sconosciute ai più e di autori che meritano una certa attenzione ^_^

      Elimina
  2. All'anima del progettone, bravissima!!! Aspetto di leggere qualcosa a riguardo allora!
    Ma mi spieghi dove diamine lo trovi il tempo per guardare tutti questi film? Io riesco a malapena a guardarne uno al giorno, sigh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne vedo dai due ai tre al giorno, ma vorrei vederne molti di più, non lavoro e il tempo lo passo per il cinema che adoro...e ultimamente mi sto facendo una cultura MOSTRUOSA hahaha, scherzi a parte, ci vuole un progettone così soprattutto se si ama il cinema :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.