Passa ai contenuti principali

IDA

Ed ecco la recensione di oggi, un bellissimo film d'autore che spero di farlo conoscere a chi mi legge e mi segue con affetto,  la fabbrica dei sogni resta un blog serio per questo sto lavorando sodo per dimostrare a tutti che la mia cinefilia è vera, autentica, non racconto mica balle.


Allora bando alle ciance, ecco come Ida è entrato nella mia vita con il cuore.
Innanzitutto ringrazio per la conoscenza l'amico J. Doinel, che mi ha consigliato la visione, poi, devo dire che l'ispirazione maggiore di Pawel Pawlikowski per questo film è di quel grande artista chiamato Robert Bresson, regista minimalista, nel blog potete trovare due dei suoi film, Mouchette e Au Hazard Baltazhar, ma andiamo a Ida.
I dialoghi sono ridotti all'osso, per un film a metà strada tra la presenza di Dio, Anna è una suora cattolica che è estranea alle sue origini ebraiche, lo scoprirà con la visita alla sua zia,  poi c'è il contrasto con il mondo della zia, una donna facile estroversa, a differenza di Anna, più timida e meno disinvolta e la vita, con tutte le sue contraddizioni.
Ci sono momenti cupi e silenziosi, ma capaci di trasmettere sentimenti più di mille parole, la regia è presentissima e costante, e la recitazione soprattutto delle due attrici Agata Kulezka, e soprattutto Agata Trzebuchowska nel ruolo di Anna/Ida bravissima, capace di entrare nel personaggio come una seconda pelle.
Ida è la storia del viaggio di una persona attraverso i misteri della sua vita, in questo frangente scopre la vera vita, che la metterà in piena crisi sulla sua scelta religiosa.
E qui il regista è stato bravissimo nel sottolineare i contrasti tra la vita religiosa, e il mondo esterno, le contraddizioni, e le differenze tra l'austera vita che ha scelto Anna/Ida, che ben presto si troverà a confronto con una scelta che la mette in contrasto con la religione, soprattutto dopo il suicidio della zia, e la scoperta dell'amore fisico.
IDA non è solo il viaggio di una persona alla ricerca delle sue radici, ma è un viaggio intimo e più intenso di una donna alla scoperta della vita vera, e soprattutto alla scoperta di se e alla scelta di vita che ha precedentemente fatto, una dura prova oppure una parentesi per fare la scelta definitiva?
Il regista lascia allo spettatore una libera interpretazione degli eventi, e questo succede solo col grande cinema d'autore.
Una mia riflessione finale, mi sembra limitativo dare un voto a questo film, eppure essendo una recensione una valutazione la si deve dare, dedico comunque questa recensione a tutti i cinefili, che con umiltà e amore verso il cinema scambiano con tranquillità la loro conoscenza senza snobismi inutili, perchè solo in questo modo si arricchisce la cultura verso il cinema, che merita di essere visto e soprattutto rispettato, di qualsiasi tipologia, o genere di cui fa parte, perchè per come la vedo io, ogni pellicola merita di essere vista e soprattutto rivalutata.
Voto: 9






Commenti

  1. L'ho rivisto proprio pochi giorni fa, dopo aver letto l'ottima analisi di Doinel. Devo dire che la sensazione non è poi cambiata molto dalla visione al TFF. E' sicuramente un buon film, con una fotografia giustamente austera, e dove l'aspetto migliore, secondo me, risiede nell'accurata indagine relazionale tra le due donne, dove ognuna cela il desiderio d'immedesimarsi nella vita dell'altra... A conti fatti, però, attraverso le opinioni generali trovo sia un tantino sopravvalutato.

    RispondiElimina
  2. bah a me è piaciuto :) poi ovviamente, le reazioni al film per ognuno non sono mai le stesse, c'è chi un opera l'apprezza chi meno...ovviamente per te è sopravvalutato, io l'ho trovato molto profondo nella sua analisi, anzi, direi spudoratamente sincero nel sottolineare il momento catartico della scelta di Ida/Anna, e non è da tutti i registi riuscire nell'intento ;)

    RispondiElimina
  3. E' piaciuto parecchio anche a me.
    Bellissima fotografia, storia essenziale, e la Kulesza è davvero brava ad interpretare il personaggio di Wanda.

    RispondiElimina
  4. una bellissima sorpresa, il cinema polacco è molto interessante, qui arriva Wajda, poi il deserto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah si? Buono a sapersi, di Wajda ho visto Katyn tempo fa ^_^

      Elimina
  5. ce l'ho lì pronto...mi devo decidere a vederlo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.