Passa ai contenuti principali

Noah

Ok è ufficiale...l'abbiamo perso.
Ormai il cinema sforna solo giocattoloni senz'anima, le cose più interessanti arrivano o dal cinema indipendente, o dal cinema d'autore.
Hollywood ha smesso da tempo di fabbricare grandi sogni, e fabbrica soltanto un grande vuoto ispirativo, tra cui e mi dispiace dirlo c'è anche l'ultima fatica di Darren Aronofsky, si proprio lui, colui che aveva cominciato con il bellissimo P Greco, per poi sorprendere il mondo con The Wrestler portando al successo planetario una star ormai data per defunta come Mickey Rourke, per non parlare di Black Swan dove giocava con la psicologia della protagonista, e di quello che considero il suo capolavoro assoluto, wrestler a parte ovviamente ovvero...Requiem for a Dream dove la ricerca di essere qualcuno, e diventare qualcosa che vorresti a tutti i costi, ti spinge verso un abisso senza uscita.
Di scivoloni ne ha fatti anche, uno tra tutti quel L'albero della vita che sinceramente a me non è dispiaciuto, ma che effettivamente è in confronto ai precedenti, una gran ca**ata; ma Noah? Noah in quanto a ca**ata, supera ampiamente L'albero della vita, anzi quest'ultimo in confronto sembra un film d'autore perchè dico questo?
Innanzitutto perchè il film è noioso, non c'è coinvolgimento, non c'è pathos, costruito come un fantasy e ispirandosi - l'ha detto lui, vedere la sua intervista su ciak - al signore degli anelli, costruisce un film degno dei peggiori blockbuster hollywoodiani, ma io non credo che Aronofsky abbia problemi di soldi, anzi tutt'altro, credo che parlare di un fatto biblico, eliminando Dio, e chiamandolo come il creatore, aggiungendo dei robot - Chee? - come detentori millenari dell'umanità per costruire l'arca, senza un briciolo di spiritualità, o di divinità che parli dei mali del mondo beh c'è qualcosa che sicuramente è andato storto.
Riscrivere o reinventare storie che si tramandano da secoli non sempre è una buona cosa - vedete ad esempio le favole reinventate tanto per dire - ma soprattutto scriverle con la presunzione di sapere come dirigere un fantasy per poi avere il risultato opposto credo sia il massimo della paraculaggine per un regista e questo film ne è il risultato.
Bocciato, anzi profondamente bocciato, aggiungetevi il cast da colossal e fate pure bingo.
Ha senso comunque andarlo a vedere?
Lasciate perdere questo film, e concentratevi magari su Black Swan, che con tutti i suoi difetti al confronto sembra essere un piccolo capolavoro, e soprattutto un piccolo passo avanti in confronto a questo film che non aggiunge niente di nuovo al cinema di Aronofsky, ok c'è la sospensione di incredulità, ma fino a un certo punto però, perchè ciò che si inventa, e ciò che si prende da storie tramandate da secoli, deve essere credibile, e riscrivere o reinventare storie che tutti sanno a memoria è un segno di imbecillità velleitaria.
Voto: 3




Commenti

  1. Uh, per fortuna l'ho perso! :D

    RispondiElimina
  2. Ti dirò che all'apparizione dei primi trailer, la tentazione di andarlo a vedere c'era, se non altro per il nome che ci sta dietro, ma pian piano le varie opinioni mi hanno fatto desistere. Se inoltre, fai notare che questo è ancora peggio di "The Fountain", credo proprio che il buon Darren si sia inabissato totalmente!
    Concordo su quanto scrivi dei film precedenti, tutti di altissimo livello (The Wrestler in testa, per me). Peccato, era uno che prometteva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, ma sai qual'è la cosa? Che sinceramente io amo Aronofsky, e quando ho visto Requiem for a dream ho esclamato cazzo, questo è uno da seguire, anche per gli altri film, The Wrestler è una perla rara, e anche Black Swan...speriamo che si riprenda xD

      Elimina
  3. A me è piaciuto molto.. l'ho visto 3 volte e non mi ha annoiata per niente.
    Anche le persone con cui l'ho visto l'hanno apprezzato. ^^

    RispondiElimina
  4. Io amo molto Aronofsky.. Ma già da quando aveva iniziato a parlare del progetto di Noah ero molto scettica.. Poi vedendo tutte (e sottolineo tutte) le recensioni ultra negative mi è pure passata la voglia di andarlo a vedere. La cosa però mi dispiace non poco, voglio dire, è un regista così bravo!!! Perchè non ci sforna un altro capolavoro come Requiem o come Pi?! Ah, maledetto lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, sono daccordo con te, ma perchè non fa un altro capolavoro? Sinceramente vorrei un opera innovativa da lui, proprio come lo erano i suoi film precedenti :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…