lunedì 24 aprile 2017

La Cura del Benessere

Sembra che questo film non sappia possedere il giusto sprint per essere un buon film, c'è decisamente qualcosa che non va.
Sembra tutto così perfettino, tutto così tirato  a lucido che sembra costruito per piacere al pubblico per forza, Gore Verbinski, cerca in tutti i modi di compiacere il pubblico ma secondo me c'è fin troppa carne al fuoco.

Mi spiego meglio, la trama di per se sembra giocare tutto sulle aspettative di chi guarda questo film, e per buona parte della pellicola sembra compiacere il pubblico, insomma ti da ciò che chiedi, tutto quanto, sia la fotografia curatissima, sia la regia, sia i particolari, ma è nella sceneggiatura il suo punto debole.


Se devi costruire un horror allora fa che sia realmente un horror, non giocare con il pubblico con scene improvvise che vogliano vedere il protagonista in una clinica per la salute e poi improvvisamente i malati sembrano essere degli zombie, cioè non sono morti viventi, sono esseri umani vivi e vegeti, quindi sembra che Verbinski ci prenda sonoramente per i fondelli, dimostrando che con l'horror non è capace di girarlo come si deve, ma anche non è in grado di creare nè tensione nè suspance.
Per tre quarti di film sembra di assistere a qualcosa che promette ciò che non mantiene, e questo fino all'assurdo finale.
Peccato perchè nonostante la trama sia interessante, si perde proprio nel momento in cui deve fare esplodere la bomba di cosa sia in realtà quella clinica smascherando la cura, ciò che per tutta la durata del film viene scandalosamente negato al pubblico.
Perchè?
Eppure nel suo carnet c'è The Ring che, seppur con i suoi difetti era capace di suscitare interesse, ma quando si tratta di esporre originalità ecco che la bolla sconvolgente e disturbante che durante la visione mi aspettavo, non esplode.
Avevo diverse aspettative, e ho letto la recensione di Bollicina, che diceva più o meno le stesse cose che sto dicendo anche io, questa volta non le ho voluto dare retta, e ho visionato il film, niente di male dopotutto non muore nessuno se visiono un film, anzi, è un titolo in più che rientra nel mio carnet e nella lista di film visti, certamente dopo la visione non mi viene voglia di rivederlo perchè so già che in poche parole questo film è un bluff, che vorrebbe essere originale mostrando una trama interessante, che magari se sviluppata in modo diverso sarebbe stata un ottimo film, ma è chiaramente uno degli scult dell'anno, e mi duole dirlo ma aveva ragione Bollicina.
Del resto non mi resta che condividere ciò che ha detto nella sua recensione, comunquesia se fossi Ford, le bottigliate a questo film non le risparmierebbe proprio nessuno.
In conclusione, un film che non aggiunge molto al genere horror, nè alla filmografia di Gore Verbinski, che forse farebbe bene a non toccare il genere horror, e restare sconfinato alla disney coi film per famiglie, ci guadagnerebbe molto di più che toccare generi di cui non ha dimestichezza.
Ricordo che l'unico horror che ha girato prima di questo è il remake di un film giapponese, per altro molto più bello, quindi certamente quando si tratta di essere originale fa esplodere soltanto una bolla di sapone, non una bolla di gore e splatter come  ogni buon horror dovrebbe essere.
Tralasciando questo anche la recitazione degli attori risulta forzata, comunque, in conclusione, non è un film che rientrerebbe certo nella vostra lista di horror preferiti o nella storia del cinema, passata la visione si consuma come voi consumereste un pacco di popcorn quando lo visionate.
Voto: 5






 

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...