Passa ai contenuti principali

9 settimane e 1/2

                                                        Riguarda & Recensisci

 Nuovo appuntamento con Riguarda & Recensisci, la rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica dei sogni, per l'appuntamento quotidiano di questi ultimi tempi, oggi  abbiamo oooh un altro cult, questa volta si tratta di un film che davvero è un cult in tutti i sensi, divenendo il ritratto di un epoca ovvero gli anni ottanta, e lanciando nell'olimpo delle superstars due grandi attori: Mickey Rourke e Kim Basinger.
Tratto dal romanzo di Elizabeth McNeil, è la storia di Elizabeth, bella gallerista d'arte  e della sua passione travolgente per lo sconosciuto John, broker rampante newyorkese.

Dubito che, a tutti quelli a cui piaccono le cinquanta sfumature possano capire l'importanza che ha avuto un film come 9 settimane e 1/2 negli anni ottanta.
A rivederlo adesso, mi sembrava di scorgere l'album dei ricordi.
Quando uscì al cinema ero troppo piccola per vederlo, ma dentro di me questo film era già mitico, quindi un alone di mitologia già c'era nell'aria.


E mi ha fatto conoscere due degli attori che hanno segnato la mia vita di cinefila alle prime armi, Mickey e Kim.
Quando lo vidi la prima volta avevo 16 anni, e mi piacque molto, ovviamente lo registrai quando lo dettero in televisione, e puntualmente quando cambiai formato da vhs a divx, lo trasportai scaricandolo sul pc e poi masterizzandolo nel dvd.
Quindi posso non amare un film che è entrato nella mia vita e non ne è più uscito.
Peccato che anni dopo ne hanno fatto un pallido sequel, che con questo film non ha nulla a che fare, a parte che messo al confronto cade come una pera cotta.
Comunque sia beccatevi anche la recensione del mitico 9 Settimane e 1/2, leggetela e ovviamente se non l'avete ancora visto - dubito che non l'abbiate fatto - guardatevelo.
Ok, non ci sono esistenzialismi di sorta, non ci sono silenzi o altro, solo una travolgente passione consumata in appunto 9 settimane e 1/2.
Messo al confronto con alcune pellicole recenti, le scene di sesso non fanno più scalpore, ma restano immerse benissimo nella trama e non appesantiscono del tutto il film.
Anzi, sono quel qualcosa in più che lo rendono particolare, accattivante.
E vogliamo parlare della scena dello spogliarello che ha fatto entrare il film nella storia del cinema rendendolo un icona?
Quando Kim Basinger si spogliò sulle note di You can't leave your hat on oltre a rendere il film un icona degli anni ottanta è entrata nell'olimpo delle stars del cinema, è inutile negarlo, poi ha avuto una carriera discontinua, quando divenne mamma ha lasciato il mondo del cinema, ora è ritornata, con diverse pellicole, e quest'anno guardacaso col secondo capitolo delle cinquanta sfumature, in cui ha un ruolo marginale, ruolo secondo me accettato per soldi non per altro.
Cosa differente la sua  Elizabeth, che bucava letteralmente lo schermo.
Ormai 9 Settimane e 1/2 è un film che ha fatto storia, ha fatto epoca, è inutile negarlo, ed è sacrosanto riconoscere il suo status di cult movie al giorno d'oggi.
Un film che è già nella leggenda, che risulta ancora piacevole a vedersi, nonostante siano passati trent'anni dalla sua uscita.
Anche se in maniera molto differente da pellicole che hanno segnato davvero la mia vita, devo riconoscere l'ampio valore di una pellicola capace di trascendere il tempo, e di risultare ancora grandiosa e sorprendente nella sua voglia di trasgredire, nei giochi organizzati da John, per sottomettere Elizabeth, e in tante altre cose.
Insomma è una pellicola che ogni cinefilo deve vedere, almeno una volta nella vita, perchè è il ritratto dell'america degli anni ottanta, poi c'è la splendida Kim Basinger e per le femminucce c'è quel gran pezzo di figo allora di Mickey Rourke.
Insomma un Cult, da non perdere assolutamente.
Voto: 7







Commenti

  1. Mi vergogno a dirlo.. Ma io non ho nemmeno mai visto il famoso spogliarello XD
    Devo recuperare anche questo

    RispondiElimina
  2. Io ti dico solo che incontrai la Basinger al Musee d'Orsay a Parigi quando ancora era nel fiore insieme a Baldwin, mamma mia, una coppia notevole, lei molto bella, forse un po' stronzi...

    RispondiElimina
  3. Guardie del corpo, niente foto, niente autografi, lui parecchio incazzoso... un po' stronzetti, via...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.