Passa ai contenuti principali

9 settimane e 1/2

                                                        Riguarda & Recensisci

 Nuovo appuntamento con Riguarda & Recensisci, la rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica dei sogni, per l'appuntamento quotidiano di questi ultimi tempi, oggi  abbiamo oooh un altro cult, questa volta si tratta di un film che davvero è un cult in tutti i sensi, divenendo il ritratto di un epoca ovvero gli anni ottanta, e lanciando nell'olimpo delle superstars due grandi attori: Mickey Rourke e Kim Basinger.
Tratto dal romanzo di Elizabeth McNeil, è la storia di Elizabeth, bella gallerista d'arte  e della sua passione travolgente per lo sconosciuto John, broker rampante newyorkese.

Dubito che, a tutti quelli a cui piaccono le cinquanta sfumature possano capire l'importanza che ha avuto un film come 9 settimane e 1/2 negli anni ottanta.
A rivederlo adesso, mi sembrava di scorgere l'album dei ricordi.
Quando uscì al cinema ero troppo piccola per vederlo, ma dentro di me questo film era già mitico, quindi un alone di mitologia già c'era nell'aria.


E mi ha fatto conoscere due degli attori che hanno segnato la mia vita di cinefila alle prime armi, Mickey e Kim.
Quando lo vidi la prima volta avevo 16 anni, e mi piacque molto, ovviamente lo registrai quando lo dettero in televisione, e puntualmente quando cambiai formato da vhs a divx, lo trasportai scaricandolo sul pc e poi masterizzandolo nel dvd.
Quindi posso non amare un film che è entrato nella mia vita e non ne è più uscito.
Peccato che anni dopo ne hanno fatto un pallido sequel, che con questo film non ha nulla a che fare, a parte che messo al confronto cade come una pera cotta.
Comunque sia beccatevi anche la recensione del mitico 9 Settimane e 1/2, leggetela e ovviamente se non l'avete ancora visto - dubito che non l'abbiate fatto - guardatevelo.
Ok, non ci sono esistenzialismi di sorta, non ci sono silenzi o altro, solo una travolgente passione consumata in appunto 9 settimane e 1/2.
Messo al confronto con alcune pellicole recenti, le scene di sesso non fanno più scalpore, ma restano immerse benissimo nella trama e non appesantiscono del tutto il film.
Anzi, sono quel qualcosa in più che lo rendono particolare, accattivante.
E vogliamo parlare della scena dello spogliarello che ha fatto entrare il film nella storia del cinema rendendolo un icona?
Quando Kim Basinger si spogliò sulle note di You can't leave your hat on oltre a rendere il film un icona degli anni ottanta è entrata nell'olimpo delle stars del cinema, è inutile negarlo, poi ha avuto una carriera discontinua, quando divenne mamma ha lasciato il mondo del cinema, ora è ritornata, con diverse pellicole, e quest'anno guardacaso col secondo capitolo delle cinquanta sfumature, in cui ha un ruolo marginale, ruolo secondo me accettato per soldi non per altro.
Cosa differente la sua  Elizabeth, che bucava letteralmente lo schermo.
Ormai 9 Settimane e 1/2 è un film che ha fatto storia, ha fatto epoca, è inutile negarlo, ed è sacrosanto riconoscere il suo status di cult movie al giorno d'oggi.
Un film che è già nella leggenda, che risulta ancora piacevole a vedersi, nonostante siano passati trent'anni dalla sua uscita.
Anche se in maniera molto differente da pellicole che hanno segnato davvero la mia vita, devo riconoscere l'ampio valore di una pellicola capace di trascendere il tempo, e di risultare ancora grandiosa e sorprendente nella sua voglia di trasgredire, nei giochi organizzati da John, per sottomettere Elizabeth, e in tante altre cose.
Insomma è una pellicola che ogni cinefilo deve vedere, almeno una volta nella vita, perchè è il ritratto dell'america degli anni ottanta, poi c'è la splendida Kim Basinger e per le femminucce c'è quel gran pezzo di figo allora di Mickey Rourke.
Insomma un Cult, da non perdere assolutamente.
Voto: 7







Commenti

  1. Mi vergogno a dirlo.. Ma io non ho nemmeno mai visto il famoso spogliarello XD
    Devo recuperare anche questo

    RispondiElimina
  2. Io ti dico solo che incontrai la Basinger al Musee d'Orsay a Parigi quando ancora era nel fiore insieme a Baldwin, mamma mia, una coppia notevole, lei molto bella, forse un po' stronzi...

    RispondiElimina
  3. Guardie del corpo, niente foto, niente autografi, lui parecchio incazzoso... un po' stronzetti, via...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.