Passa ai contenuti principali

Endless Love - Amore Senza Fine

Ah, oggi tocca ad Amore Senza Fine venire recensito.
Si tratta di uno dei film d'amore usciti negli anni ottana, film che ha segnato l'esordio sul grande schermo di due attori che sarebbero diventati dei divi, e di un altro attore che avrebbe preso parte a Beverly Hills 90210.
I due futuri divi sono Tom Cruise in un piccolissimo ruolo, appena diciannovenne, e James Spider che interpreta il fratello di Jade, la protagonista del film.
Il futuro divo di Beverly Hills è l'altro fratello di Jade, che è interpretata da una giovanissima Brooke Shields, suo partner è Martin Hewitt.

Jade e David sono due adolescenti che si innamorano perdutamente, ma questo amore viene ostacolato dal padre di lei, che vorrebbe che lei terminasse gli studi con tranquillità, ma il ragazzo non si rassegna e credendo che lei lo tradisca, appicca fuoco alla casa, cosa che gli consentirà l'ingresso in un manicomio e stare lì dentro per cinque anni.
Ma quando David esce per buona condotta va in cerca di Jade, ma il padre di lei lo riconosce e muore investito da una macchina.
Stavolta a ostacolare l'unione arrivano i fratelli di lei...
Riusciranno i due amanti nonostante le ostilità a restare insieme?
Lo ammetto, come film non è che sia un capolavoro, però è riuscito a piaciucchiarmi parecchio, soprattutto per quanto riguarda la storia, che, ricordiamo è tratta da un romanzo di Scott Spencer.
L'origine letteraria forse ne sminuisce un po' la qualità, la regia è nella norma, anche se non ci vedo particolari innovazioni stilistiche.
Il film è piacevole a vedersi, ti fa passare il tempo molto bene, ma resta comunque un opera che è ben lontana da tante che ho visto e senza dubbio sono decisamente migliori.
Fermo restando che Guilty Pleasure, è proprio la categoria adatta a questo film, anche se non ha la pretesa di essere un grande film.
Se messo a confronto con altre pellicole, diciamo che i grandi film sono altri, penso per esempio a titoli come Il Paziente Inglese, che recensirò prossimamente, oppure Voglia di tenerezza.
La visione è piacevole e scorre bene, buono anche il coinvolgimento nella storia ma tutto si ferma lì, non varcando mai la soglia della sufficienza.
In conclusione, come film d'evasione non è affatto male.
Voto: 6 e 1/2

  


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.