Passa ai contenuti principali

Sydney

                                                       Riguarda & Recensisci

E siamo giunti al termine di questo special di Riguarda & Recensisci dedicato al bravissimo Paul Thomas Anderson, e così completo la sua filmografia qui alla fabbrica.
Questo film l'avevo già visto in precedenza credo per tre volte, e la terza è stata proprio stasera, devo dire che l'esordio di P.T. Anderson è uno di quelli che colpiscono positivamente.
Innanzitutto abbiamo l'ambientazione a Reno nevada, Gwyneth Paltrow e John C Reilly come protagonisti, e Phillip Baker Hall che già alla prima pellicola diventa una presenza nei film del regista californiano.
Da non sottovalutare anche se in un piccolo ruolo anche Samuel L Jackson, in un ruolo che sembra uscito da un film di Tarantino.


E' un esordio interessante Sydney di Anderson, e si notano già i suoi segni stilistici che esploderanno dalla seconda pellicola in poi.
Sydney è una specie di ibrido, nè capolavoro, nè grande film, ma che si stanzia bene tra diversi generi che spaziano tra il drammatico e il noir fino al film di gangster, senza sfociare nel pulp.
Intelligentemente direi, e lo stile dell'opera in questione, è talmente personalizzato da sottolineare la firma personale di Anderson che non perde mai di vista la storia, scritta da lui, è un film che seppur ancora acerbo, ma si nota già il suo talento registico.
Interessante anche Gwyneth Paltrow in un ruolo inedito per lei, bravo John C Reilly come protagonista, e strafico anche Phillip Seymour Hoffman, presenza costante nel cinema di Anderson e attore feticcio del regista in questione, che qui più che un ruolo sembra un cameo, ma comunque c'è sempre, e la sua parte è gasatissima e divertentissima, vedere per credere, mentre gioca ai dadi, le mosse che fa, le battute che dice, per uno squarcio di tempo ti fa divertire un mondo.
Ma la storia di per se sembra uscita da un noir anni quaranta, in cui c'è questo Sydney un magistrale Phillip Baker Hall, che raggiunge John, che all'inizio del film vediamo seduto davanti alla porta di un bar dopo una nottata andata a male.
Sydney lo prende per i capelli, lo sistema e gli insegna tutto ciò che sa sul gioco d'azzardo facendolo diventare in poco tempo un bravo giocatore, tutto bene finchè non incombe nella vita del giovane Clementine, una cameriera che dopo il lavoro si prostituisce con i clienti del bar del casinò.
Inutile dire che John e Clementine si innamorano e poi si sposano, quando però un cliente picchia Clementine John è deciso a fargliela pagare, e non si accontenta di semplici sicurezze...la cosa va letteralmente a puttane quando Sydney aiuta John e l'unico che sa tutto è proprio Jimmy che cercherà di ricattare Sydney dicendo che sa qualcosa del suo passato e che vuole dei soldi.
Sydney non perde tempo e una volta pagato, aspetta il momento giusto per una vendetta.
Voglio dirvi di vedere assolutamente questo film, che seppur acerbo, mostra davvero ciò che il talento di Anderson riesce a fare, anche se non è grandioso come altre sue pellicole è certamente un film da vedere e da collezionare, prima di tutto perchè è capace di catturare l'attenzione con una storia capace non di bucare lo schermo, ma di essere più cupa, più introspettiva oltre che capace di incollare lo spettatore alla poltrona, e per un esordio non è certamente roba da poco.
Ho recuperato questo film online, e devo dire che ne sono rimasta affascinata, è e rimane un cult c'è poco da fare, e che cult direi.
Da recuperare se amate i film che lo hanno fatto conoscere e soprattutto apprezzate il suo cinema.
Io l'ho fatto per curiosità e ne sono rimasta entusiasta, seppur in quantità minore rispetto alle altre pellicole che ha diretto, resta comunque da collezionare solo se siete Andersoniani Doc come la sottoscritta, che incuriosita dal suo cinema ha voluto vedere e poi ri-vedere questo piccolissimo e appetitoso film.
Voto: 7

  


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.