Passa ai contenuti principali

La Battaglia di Hacksaw Ridge

E finalmente recensisco l'ultima fatica di Mel Gibson, tornato ai grandi fasti dopo la direzione di pellicole un po' controverse come La Passione di Cristo che non ho apprezzato, ed è comprensibile il motivo.
Questo film invece l'ho adorato, primo perchè mette in scena un protagonista la cui storia è realmente accaduta, che si rifiuta di imbracciare un arma da fuoco, nonostante tutto vuole servire il suo paese, e lo fa alla sua maniera.
Andrew Garfield che avevo già apprezzato in Silence di Scorsese, con questo film è entrato di diritto nella mia cerchia di attori preferiti.

Mel Gibson qui racconta la storia vera di Desmond Doss, un obiettore di coscienza che vuole servire il suo paese come soccorritore militare, e decide anche grazie a un trauma in cui promette a se stesso di non toccare mai un arma, e così fa.
Tra lo sconcerto degli altri commilitoni, e i contrasti che si vengono a creare fino a veri e propri scontri anche fisici, Desmond, che in un primo tempo rischia di essere mandato a casa, riesce a ottenere di servire il suo paese nonostante il suo rifiuto di toccare armi.
Come dice la locandina del film, per diventare un eroe non serve un arma, e così Desmond serve davvero il suo paese, riuscendo - anche dopo che i soldati hanno capito le sue intenzioni - ad ottenere la stima di tutti quanti per la sua missione.
No non è un film di guerra, ma è un ottima analisi sulla scelta di chi decide, anche grazie a una grandissima fede religiosa, di salvare vite, piuttosto che prendere un fucile ed uccidere esseri umani.
Una scelta coraggiosa che può mettere in pericolo la sua vita, considerando i pericoli ai quali un soldato va in contro durante la guerra.
Il film è ambientato durante la seconda guerra mondiale, e segue Desmond, che con tenacia dimostra che non serve un arma per servire il proprio paese, ma che pur essendo dentro una battaglia, durante la guerra, sceglie di salvare vite, non di reciderle.
E così fa.
Film pur non essendo un capolavoro si fa apprezzare per la descrizione realistica di una persona che sceglie coraggiosamente di servire il suo paese attraverso mezzi non convenzionali.
In questo caso Desmond, sceglie di salvare vite, e le salva, tanto che alla fine i soldati capiscono le sue intenzioni e lo aiutano salvandolo a loro volta.
Il ritratto di un uomo, un essere umano, capace di suscitare simpatia, Mel Gibson, che in questo film ritorna in auge, coinvolge lo spettatore dall'inizio alla fine, senza stancarlo mai, cosa rara di questi tempi.
Le nominations agli oscar sono strameritate, e se ve lo dico io ci dovete credere.
Voto: 8 e 1/2


Commenti

  1. non l'ho visto, ed un po' mi ispirava....
    la tua recensione mi convincerebbe, ma aspetto quando lo danno su Sky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, comunque vale la pena vederlo ^^

      Elimina
  2. Pieno di difetti vero, ma concordo con voto ed entusiasmo, resta uno dei film migliori che ho visto in questo 2017, un gradito ritorno per Mad Mel. Cheers!

    RispondiElimina
  3. E' stato un buon film, nonostante tutto... Alla fine ha pagato del pregiudizio (non infondato) vero Mel Gibson.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.