Passa ai contenuti principali

Jackie

Dopo che ne hanno parlato tutti i miei amici bloggers, ahimè sono l'ultima blogger che parla di Jackie, splendido film di Pablo Larràin con una fenomenale Natalie Portman.
Per tutti potrebbe sembrare l'ennesima e pallosissima biografia della fist lady che è diventata un mito in america, invece non è così.
E' un film che parla di Jackie, e racconta ciò che successe immediatamente dopo l'omicidio del presidente John Fitzgerald Kennedy, e di come, la moglie abbia preso in pugno la situazione, andando avanti e cercando di non far pesare il dolore per la perdita del padre ai figlioletti.

Detto così sembrerebbe il solito film palloso autocelebrativo che narra una storia trita e ritrita, e lo stile che usa Pablo Larràin è narrativo, soffermandosi sui protagonisti e la storia, che, viene enunciata da una Jackie che viene intervistata da un giornalista, e racconta i fatti avvenuti subito dopo la morte del marito.


Inutile dire che senza dubbio si tratta di una pellicola particolare, un po' complessa, ma comunque di grosso spessore cinematografico, come non se ne vedono da tanti anni a questa parte.
Natalie Portman offre un interpretazione allo stesso tempo sincera e misurata, cercando di non essere allo stesso tempo lagnosa e superficiale, la sua Jackie, è una donna forte, con le palle, che sa mettere da parte il dolore - sempre espresso in modo discreto - per poter continuare a vivere nonostante tutto.
Una pellicola forse molto controllata, ma ovviamente è anche la storia che lo richiede, di Larràin ho visto anni fa No - I Giorni dell'arcobaleno, che cercherò di recensire almeno entro quest'anno.
Ora mi chiederete se il film mi è piaciuto, certo, è uno dei migliori film dell'anno, e questo senza ombra di dubbio.
La cosa sorprendente è che Larràin offre un ritratto di Jackie autentico e viscerale, che non si accontenta di descrivere un epoca come hanno fatto parecchi film passati, ma offre qualcosa di diverso, e secondo me anche innovativo; Jackie è la protagonista del film, ma non si tratta di una biografia, ma di un ritratto di una donna che suo malgrado, che lo si voglia riconoscere o meno, ha fatto la storia degli stati uniti d'america, sia per il matrimonio col presidente, sia anche per le sue scelte che bene o male, l'hanno tenuta sempre in piena attenzione, anche dopo la morte del presidente.
E Natalie Portman è capace di dare forza e spessore a un personaggio, che magari un altra attrice non avrebbe saputo trasportare sullo schermo.
Qui si tratta di interpretare un mito, quasi alla pari come Marilyn Monroe o James Dean, un ruolo che per qualcun altro sarebbe stato un suicidio professionale, mentre Natalie Portman riesce a personalizzare una Jackie capace di tirare fuori le palle, una donna allo stesso tempo forte e fragile, che buca letteralmente lo schermo.
E' lei la protagonista assoluta del film, come ho detto pocanzi, non ci sono altre vie di dimostrare l'assoluta compattezza di un opera cinematografica, che non vuole raccontare solo un epoca disegnando il ritratto di una donna, ma vuole trasportare quella donna sullo schermo, e farla amare o odiare al grande pubblico a seconda dei punti di vista.
E ci riesce, benissimo direi.
Questo film è una autentica bomba, da vedere e rivedere...parafrasando l'amico Ford.
Voto: 8 e 1/2





 

Commenti

  1. Vero, Jackie Kennedy fu la prima first lady ad essere "personaggio" storico e non solo accompagnatrice muta del presidente. Larraìn la decrive come nessuna aveva fatto, e come meglio non si poteva. Capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero ^_^ Siamo sulla stessa lunghezza d'onda eh? ;)

      Elimina
  2. Molto ma molto bello, mi è piaciuta molto questa presidenza Kennedy rapportata alla Camelot di Artù. E la Portman è davvero favolosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione bollicina, come non condividere ciò che dici? hehe ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.