Passa ai contenuti principali

Basic Instinct

                                                          Riguarda & Recensisci
 E oggi per Riguarda & Recensisci abbiamo uno dei film cardine degli anni '90 che ha lanciato quella stella chiamata Sharon Stone nel firmamento dei divi hollywoodiani.
Si tratta di un vero e proprio cult, entrato ormai nella storia del cinema sia per le celebri e ai tempi piuttosto spinte e scandalose scene di sesso, sia per la scena che è diventata il must del film, quella dell'interrogatorio in cui la Stone rivela di non indossare slip.

E arriva finalmente alla fabbrica dei sogni, uno dei film più osannati e scandalosi degli anni '90, a riguardarlo adesso, non risulta tanto scandaloso, però ai tempi lo scandalo lo ha fatto eccome.
E ha messo in luce il talento e il sex appeal della divina Sharon Stone, che grazie a questo film è entrata nel mio carnet di attrici preferite.


Lo vidi per la prima volta che lo acquistai da un amico nel '1993, e, seppur la storia era abbastanza prevedibile e scontata, il must lo davano senza dubbio le scene di sesso, e la pubblicità che ai tempi si produsse attorno a Michael Douglas, e a una sua presunta dipendenza sessuale.
Tutta pubblicità per il film ovviamente, ho sempre sospettato, e infatti l'opera cinematografica in questione ha incassato un bel popò di soldi.
Verhoeven ha tentato di doppiare il successo di questa pellicola con un altra di qualità minore rispetto a questo film Showgirls, che ho visto e forse, dico forse, recensirò.
Allora cosa c'è di bello in Basic Instinct? Sesso, sesso e ancora sesso, tolto il sesso, risulta un giallucolo di seconda categoria, che sarebbe passato inosservato se non ci fossero state quelle scene spintarelle che ne hanno fatto un campione d'incassi nella stagione '92/'93.
E consacrando un attrice a star, dobbiamo dirlo, che recita anche con Michael Douglas, nel ruolo del poliziotto che invece di seguire il fiuto investigativo cerca di entrare nelle mutande della protagonista, se possiamo chiamarle mutande (Dalla celebre scena dell'interrogatorio ndr).
La storia narra di una scrittrice sospettata di omicidio, i cui delitti descritti nei romanzi avvengono nella realtà, la scrittrice è Catherine Tramell, che riesce a manipolare a suo piacimento il poliziotto per poterlo portare dalla sua parte, facendogli credere di essere innocente, ma sappiamo tutti quanti sin dall'inizio chi sia colpevole di questi delitti.
Il colpo di scena finale, si avrà senza dubbio alla fine, ma io non lo rivelo per non rovinare la sorpresa a quei pochi che ancora non l'hanno visto.
Sempre se ci sono ancora persone che non l'hanno visto hihihihihi...comunque sia, anche alla fabbrica è stato recensito questo capolavoro cult...ma non esageriamo!!!!
Possiamo dire cult? O Scult? No dai, è un cult, non confondiamo le acque, la patonza di Sharon Stone si vede, ed è entrata nell'immaginario erotico di tutti i maschietti allupati negli anni novanta, è inutile nasconderlo, le scene di sesso pure, Sharon Stone, che ha doppiato l'anno seguente con un altro film, che spero di recensire Sliver, meno pruriginoso di questo ma altrettanto fico, anche se si dice e sottolineo si dice, che Sharon Stone non l'ha voluto vedere...
Comunque sia, beccatevi Basic Instinct il film, ma prima leggete la mia recensione colma di ironia scritta dalla qui presente reginetta della fabbrica dei sogni Miss Arwen Lynch che essendo molto ispirata, voleva far divertire tutti i maschietti e non che leggeranno questa finesse di recensione...
Ok, ho esagerato scusate xDDD
Bene, Michael Douglas e Sharon Stone protagonisti di questa bellissima pellicola ormai diventata cult, ed entrata che lo si voglia o no nella storia del cinema, è inutile non vederla, anche se adesso le scene di sesso sono sicura che non vi risulteranno così scandalose, al massimo vi fate quattro risate, e vi godete la recitazione della divina Sharon Stone, che recita persino con la sua patonzina.
Se non è brava a recitare almeno potreste gustarvi quella piccola patatina che si vede per qualche secondo, sperando che non usciate fuori la lingua xDDD.
Apparte questo il mio voto è serio stavolta, tralasciamo per un attimo l'ironia e recensiamo seriamene il film, che non è certamente granchè nel plot, ma è tutto giocato sulla provocazione, un po' fine a se stessa.
Esistono ovviamente pellicole migliori, che vi consiglio di vedere, una tra tutte Triplo Gioco con due grandissimi attori Lena Olin e Gary Oldman. E badate bene, il film che vi ho consigliato non ha NULLA di provocatorio ed è una vera bomba, sia nella cura della storia, nella regia, e nella recitazione, un piccolo capolavoro che sono sicura apprezzerete meglio di Basic Instinct.
Ecco il mio voto.
Voto: 6 e 1/2

  





Commenti

  1. Una trashata invecchiata malissimo, con un Douglas imbarazzante, poveraccio. L'unica meritevole (al di là della patasfralla mostrata) è la Stone, anche se il suo personaggio è talmente zeppo di cliché che fa ridere pensare come non l'abbiano arrestata alla prima scena XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione bollicina, si capisce subito chi è...comunquesia io all'epoca quando lo vidi avevo 19 anni, ero una cinefila in erba...e mi accorsi della stupidità della trama ^_^

      Elimina
  2. Ciao Arwen, è la prima volta che visito il tuo blog :-)
    Questo film è un cult e va visto,secondo me ma va preso per quello che è e la penso come Babol. Gary Oldman è immenso! Bel post, a presto...

    RispondiElimina
  3. Voglio essere sincero, all'epoca lo volevamo vedere solo per la scena incriminata XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.