Passa ai contenuti principali

Bridget Jones's Baby

Per la seconda recensione oggi, abbiamo il terzo e si presume capitolo finale di Bridget Jones, il franchise creato dalla penna di Helen Fielding in cui troviamo la nostra protagonista alle prese con una gravidanza e da un altro triangolo amoroso, questa volta non c'è Daniel Cleaver, interpretato da Hugh Grant, ma un altro personaggio Jack Qwant, e a impersonarlo c'è Patrick Dempsey.

E allora, dunque la nostra Bridget Jones sarà alle prese tra pappe e pannolini per una improvvisa gravidanza frutto di una sbandata con Jack Qwant, ma Mark Darcy che lei lo voglia o meno, sarà sempre presente nella sua vita, e allora, di chi è il pargoletto che Bridget aspetta?
Non cambia poi molto dai primi due capitoli, o meglio, qualcosa di nuovo oltre il triangolo amoroso c'è, ed è il pargoletto in cui gli spettatori devono scoprire chi sia il padre.
La trama è divertente e scorrevole, e la regista è veramente brava a mettere in scena vizi e difetti della protagonista rendendola molto simpatica agli occhi del pubblico, bè, precisando che a dirigerlo è colei che ha cominciato la saga al cinema, traducendo il romanzo della Fielding sullo schermo, quindi la pellicola è gradevole, ancora meglio del pasticciato secondo capitolo che andava veramente sul patetico per non dire irritante.
Questo risulta una buona interpretazione, ricca di scene esilaranti che si alternano a momenti di crisi della protagonista quando ovviamente scopre a quarant'anni suonati di essere incinta.
L'arguzia della regista è stata che lo spettatore non scoprirà fino all'ultimo colui che è il padre del bambino, suscitando persino dei dubbi nello spettatore, dubbi che ovviamente non vi dico per non rovinarvi la sorpresa.
Comunque sia la McGuire è capace di rinfrescare la saga, rendendola appetibile e accattivante, ma non aspettatevi chissà quale grande capolavoro del cinema che potrebbe fare storia.
Bridget Jones's Baby è soltanto un film fatto bene, forse d'evasione, però decisamente buono che la regista ha curato fin dai minimi dettagli, ma sempre di un film d'evasione si tratta, anche se è fatto bene, quindi resta comunque una pellicola riuscitissima ed esilarante, capace di fare divertire per tutta la sua durata senza nessuna pretesa.
Ogni tanto anche l'evasione ci vuole, anche se non si tratta di grandi opere geniali e se sono ben fatte ben vengano.
Comunque sia, in conclusione un film tutto da guardare e da godere, ps: non perdetevi la piccola parte di Emma Thompson nel ruolo della ginecologa, è davvero carina.
Voto: 7

 

Commenti

  1. Anche io l'ho trovato un piacevole intrattenimento.
    Bene così. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il film è piacevole e anche divertente ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.