Passa ai contenuti principali

Arrival

E siamo giunti a recensire pure Arrival, uno dei migliori film della stagione.
In scena abbiamo Amy Adams, nel ruolo della dottoressa Louise Banks, che cerca di comunicare con gli alieni venuti dallo spazio.

Questo film ha tutte le carte in regola per diventare un cult con il tempo, sperando che lo diventi perchè oltre ad essere girato benissimo, ha la capacità di tenere incollati alla poltrona per tutta la durata e soprattutto far riflettere gli spettatori sulla vita in generale, ogni tipo di vita.
E cosa fondamentale, ha la capacità anche di creare molta empatia con i personaggi.


Non è il solito blockbusterone tutto effetti speciali, anzi qui gli effetti speciali sono con il contagocce, e forse per questo la qualità della pellicola in questione è molto alta.
Anche questo film, l'ho visto di recente e recensito stasera dopo avervi offerto l'anteprima dei film che verranno recensiti in settimana nella rubrica Riguarda & Recensisci.
Forse non è intimista, ma è capace di parlare di argomenti profondi ed entrare nel cuore degli spettatori.
Bene o male sono i film che solo i grandi registi sanno fare.
Qui abbiamo una dottoressa che con tenacia cerca di comunicare con gli alieni, da qui si da l'importanza della comunicazione, cosa che non tutti i film di fantascienza sanno fare, anche per capire se gli alieni arrivati dallo spazio sono pacifici o no.
E alla fine la dottoressa rischierà di perdere questo suo progetto proprio per la sua tenacia, ma non demorderà e riuscirà a comunicare con gli alieni, nonostante quello che i suoi colleghi dicono.
Un film fantastico, stupendo, è inutile che ve lo dico, Denis Villeneuve riesce a sorprendere sempre, devo trovare i suoi film precedenti per vederli e recensirli alla fabbrica, anche per conoscerlo meglio, perchè come regista spacca di brutto.
E ringrazio quel vecchio cowboy di James Ford che mi ha fatto conoscere questo grande regista, in futuro avrà - spero - molto spazio qui alla fabbrica.
E sono felicissima di dire che - ma questo è un mio parere - finora non ha sbagliato film, e che ogni titolo che ho visto è stato un successone a casa Lynch, e scusate se è poco.
Potevo perdermi questa sua ultima fatica? Assolutamente no, e allora l'ho vista, e ne sono rimasta entusiasta.
E piano piano anche Villeneuve è diventato uno dei miei registi preferiti, ma si dai, aggiungiamolo ai tantissimi registi che mi piacciono.
Allora se non avete visto questo sorprendente film fatelo, sono sicura che vi piacerà, io spero di ri-vederlo, magari per poter scorgere tanti particolari che in una prima visione non ho percepito.
Una pellicola che spacca, come tutte quelle che ho visto di Villeneuve, anche se devo dire questa è senza dubbio quella che preferisco maggiormente tra quelle che ho visto.
In futuro e spero di trovarli, cercherò di vedere e recensire altri film di questo grande regista, potete starne certi.
In conclusione, importantissimo se amate i film di fantascienza che si interrogano sulla vita umana e anche aliena.
Voto: 8 e 1/2






Commenti

  1. Un film stupendo, pieno di cuore, capace di far commuovere come pochi altri. E lei è il vero effetto speciale del film!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.