Passa ai contenuti principali

The VVitch

Oh finalmente stasera recensisco The VVitch, sorprendente film che mi ha regalato dei momenti di vere sorprese grazie alla tensione sapientemente studiata ad hoc da un regista capace di girare un horror.
E ce la fa Robert Eggers, laddove molti registi, non sanno creare una tensione emotiva, lui gira un horror senza spargimenti di sangue visibili, tutto è studiato nei minimi particolari per creare suspance, grazie ad una narrazione efficace, in grado di suscitare un aspettativa enorme, ma allo stesso tempo inscena un inquietudine magistrale che piano piano avvilupperà tutti i protagonisti della storia.


In poche parole, non impiega molti effetti speciali, anzi, fa l'esatto opposto, si concentra sui protagonisti.
Per questo è di per se un film molto narrativo, quindi può non piacere a tutti, già vi avviso prima di procedere con la recensione.
Per questo penso che l'inquietudine sia più sconvolgente della paura fine a se stessa, perchè l'inquietudine dura più della paura, di solito la paura dura pochi secondi, ma l'inquietudine è presente sempre, e dico sempre, per tutta la durata del film.
E così si rimane incollati alla poltrona a scoprire il mistero di questa famiglia sconvolta da alcuni fatti funesti, legati alla morte di alcuni membri della stessa.
Si pensa siano collegati ad alcuni rituali di magia nera, e per questo bisogna scoprire chi è stato, l'autore del film cerca di non scoprire le carte subito con lo spettatore, ma anzi, aggiunge alcune piste false che intensificano ancora maggiormente la tensione.
Ma è nel finale che si rivela la vera sorpresa, e sarà un finale catartico per tutti quanti, oltre che una vera sorpresa, anche se dobbiamo dire che si comincia a sospettare di una giovane ragazza fin da subito, ma il regista sapientemente ci pone davanti al dubbio.
Dubbio che si slega nella scena finale particolarmente evocativa e anche liberatoria.
In quella scena lì, piuttosto agghiacciante, c'è tutta la verità che Eggers ci spiattella in faccia senza falsi pudori o formalismi di genere.
E' un esplosione che viene mostrata in tutta la sua grandiosità, e lì con la verità davanti agli occhi, lo spettatore non può far altro che meravigliarsi di assistere dopo tantissimi anni, a un film horror degno di questo genere.
Il male è il protagonista assoluto, e si propaga generando un inquietudine che cresce scena dopo scena, chi è la strega del titolo? Dove si nasconde la sua magia?
Tutto giocato su alcuni racconti popolari, e perciò è stato un bene non inserire molti effetti speciali, il film ne avrebbe perso in qualità.
Bellissimo, ve lo consiglio con il cuore, forse non entrerà mai negli horror della vostra vita, ma vi assicuro che almeno un piccolo spazio nel vostro cuore se lo prenderà, il mio l'ha già preso.
Voto: 7

 


Commenti

  1. Un horror splendido, tra i migliori degli ultimi anni.
    E soprattutto: finalmente un horror che non sfrutta quei giochetti subdoli e beceri per spaventare lo spettatore, ma punta seriamente alla sensazione di "paura", primordiale e potente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, hai ragione ^_^ Benvenuto alla fabbrica ^^

      Elimina
    2. Grazie mille! Sono un blogger da poco e mi fa molto bene scoprire nuovi interessanti blog dove scambiare le proprie idee, mi iscrivo subito :)

      Elimina
    3. Questo mi fa molto piacere ancora benvenuto ^^

      Elimina
  2. Concordo in pieno, uno dei migliori horror (e film) della scorsa stagione. Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.