Passa ai contenuti principali

Moonlight

Sorpresa, sono qui anche ora, oggi tocca anche a Moonlight venire recensito, e così lo faccio.
Film un po' criptico, ma capace di andare a fondo nella storia; Barry Jenkins, affronta una storia difficile e complessa, cercando sempre di essere realistico.
A qualcuno può risultare pesante, io ci ho visto anche una descrizione sofferta di una vita, quella di Chiron, un ragazzo gay di colore, che vive in uno dei quartieri più violenti di Miami.
Film tratto dall'opera teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin.

Una vita difficile direste voi, è vero, non è facile per un ragazzo gay, che ha una madre alcoolizzata e drogata vivere in uno dei quartieri poveri e malfamati di Miami.
L'autore della pellicola si concentra sui personaggi, narrando la loro vita difficile cercando allo stesso tempo di carpire le emozioni dello spettatore, cosa rara di questi tempi.


Il film è uno sguardo lucido e disperato su una personalità, che deve mentire a tutti riguardo cos'è realmente, cercando allo stesso tempo di costruirsi un immagine di maschio etero forte, per non soccombere alla vita dura e difficile del quartiere della sua città.
Ma come tutti quanti nella vita gli capita di innamorarsi, ed è solo in quel momento che esce fuori il vero Chiron, che si apre finalmente all'unica persona capace di amarlo e apprezzarlo per quello che è.
Ma la vita del quartiere è quella che è, è inutile girarci intorno. Chiron stesso mette da parte i suoi sogni per diventare uno spacciatore e si adegua ad una realtà che non gli appartiene.
Il film è talmente toccante e profondo che rasenta la poesia, è molto difficile fare film del genere capaci anche di far riflettere lo spettatore sulla vita, sulle condizioni delle persone di colore, sugli emarginati, che devono indossare una maschera agli occhi del mondo per continuare a vivere una realtà che non gli appartiene.
Ed è proprio questa la tematica di un film capace anche di affondare il coltello sull'emarginazione e il dolore, bellissima la scena iniziale con quello spacciatore che lo prende nella sua ala per allontanarlo dalla madre strafatta di crack.
Un opera cinematografica che ha raccolto parecchi premi e non di meno anche tre premi oscar, nell'anno in cui Trump è diventato presidente degli stati uniti.
Una scelta politica? Forse, ma almeno non è il solito film tradizionalista premiato dall'academy.
Alla fin fine si notano dei rimandi e citazioni persino a i 400 colpi di Truffaut, soprattutto nella scena finale.
Un grande film deve avere oltre un anima anche dei contenuti capaci di far riflettere gli spettatori, di trasportarli in una realtà complessa ma capace di fargli capire il mondo dove i protagonisti vivono la loro storia.
E Moonlight è senza dubbio un grande film, anche se non tocca il capolavoro poco importa, la tristezza negli occhi di Chiron bambino, è una delle cose più belle apparse al cinema di quest'anno, e scusate se è poco.
In conclusione, un film indimenticabile, capace di trasmettere allo spettatore tutto il dolore del protagonista, e soprattutto la sua rassegnazione a vivere in un mondo che non gli appartiene.
Voto: 8 e 1/2





 

Commenti

  1. E' un film che comincia lento e fatica a conquistare il cuore dello spettatore ma poi non te lo togli più dalla testa. Felicissima che si sia portato a casa l'Oscar :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, è un film che appena cominci ti resta impresso nella memoria, farà sicuramente storia ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.