Passa ai contenuti principali

GGG - Il Grande Gigante Gentile

E oggi come prima recensione c'è l'ultimo film dello zio Steve, che ci crediate o no, a me non è dispiaciuto, anzi, mi è piaciucchiato.
Anche se devo ammettere non rientra certamente nelle migliori pellicole del grande regista americano, si fa comunque vedere bene.


Devo dire però, che nonostante risulti un pochino al di sotto di altre sue pellicole, resta un film capace di fare divertire il pubblico, grazie a una caratterizzazione dei personaggi molto riuscita, anche se per quanto riguarda il film è ricchissimo di effetti speciali, e questo risulti un po' superficiale per la qualità del film.
Film tratto da una storia di Rohal Dahl, e da quanto ho letto in giro uscita proprio l'anno di ET e lo zio Steve, ha pensato bene di farci un film.
Piacevole da vedersi, lo devo dire, anche a volte pure divertente, e devo dire che ti fa passare piacevolmente il tempo con una storia capace di conquistarti.
Ovviamente, è un film al di sotto dei titoli che ha fatto, mi dispiace dirlo, io spero sempre che prima o poi un film degno del suo nome lo faccia uscire.
Sono lontani i tempi di Shindler's List e di tanti altri film, entrati ormai nel cuore e nella vita di tutti quanti.
Comunque sia è da vedere sicuramente, ma soprattutto da far vedere ai più piccini, si divertiranno un mondo con la storia di questo gigante gentile e della sua amicizia con la bambina protagonista.
Un gigante che ha deciso di non mangiare bambini e non essere cannibale ma di mangiare verdura.
Molto divertenti le scene con gli scorreggi che salta tutto quanto, e anche quelle particolari e suggestive di quando il gigante e la bambina fanno amicizia.
Una fiaba, nient'altro che una fiaba solare, ottimista e anche divertente, pur con tutti i difetti di questo mondo, e spero almeno parlando seriamente, che Spielberg la smetta di fare questi film così buonisti e si concentri a fare cinema, che lui si che è capace di farlo.
Resta comunque, anche se mi è piaciuicchiato, dobbiamo parlare seriamente, una operazione deludente, come se volesse scopiazzare la poetica di Tim Burton, ma sappiamo che Spielberg ha un suo preciso stile, e soprattutto una poetica differente dal regista di Burbank.
Nonostante tutto è un film da vedere tra un film impegnato e l'altro, troppo poco per lo zio Steve, io comunque sono qui, ad attendere il suo grande ritorno al cinema, e ci sarà prima o poi.
Incrociamo le dita.
Voto: 6

 

Commenti

  1. non l'ho ancora visto, ma quando passerà su sky lo vedrò volentieri

    RispondiElimina
  2. Poi mi dici se ti è piaciuto ^^

    RispondiElimina
  3. A me è piaciuto molto. Certo, questo è un film DA bambini e PER bambini, che a differenza (ad esempio) dei cartoni Pixar non si rivolge ANCHE a un pubblico adulto... ma solo ai piccoli. Tratto da un romanzo-capolavoro di Roald Dahl, la rilettura di Spielberg è molto fedele. Per me merita un bel voto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli ho dato sei comunque non è molto alto anche perchè mi è piaciucchiato ^_^

      Elimina
  4. Ho trovato Spielberg invecchiato, ma comunque sempre gradevole

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.