Passa ai contenuti principali

La Foresta dei Sogni

E finalmente ho visto anche io l'ultimo film di Gus Van Sant.
Prima di vederlo ne ho lette di tutti i colori, recensioni che lo stroncavano, ce ne erano un infinità, poi come spesso accade, arriva l'occasione di vederlo e devo dire che quelli che lo stroncavano si sbagliavano.
E' un film diverso senza dubbio, si distanza dalle sue tematiche ma offre uno sguardo lucido e profondo sulla vita, sulla morte, e sui fantasmi che ci portiamo dietro.

La mia, non sarà certo una recensione che lo stroncherà, anzi, ve lo consiglio spassionatamente, perchè per chi mi legge, sa, quanto apprezzi il cinema di Gus Van Sant, sin da quando ho fatto la rassegna 4 o 5 anni fa, adesso l'ho scordato quando l'ho fatta.
Comunquesia adesso devo sparare la mia sentenza, e come dice Bollicina, per vostra gioia e sollucchero.
Il film si basa su forti contenuti spirituali, ne è pieno di riferimenti, non è minimalista ma ti pone nella condizione di riflettere mentre lo stai guardando.
Logico che ha avuto stroncatura a destra e a sinistra, è comprensibile, e, solo un occhio attento è capace di scorgere i contenuti del quale il film ne è pieno zeppo.
Abbiamo un protagonista, Arthur Brennan, un bravissimo Matthew McConaughey, decide di intraprendere un viaggio in giappone nella foresta di Aochigahara, per riflettere sulla vita, e sul dolore della moglie che è morta, incontrerà un uomo che lo aiuterà a sopravvivere e a capire il senso della vita e le cose più importanti, come? Arthur cercherà di salvargli la vita, ma poi scoprirà che le cose che ha visto nella foresta sono appunto legate strettamente alla sua persona.
Non è reale ciò che vede? Per saperlo lo dovete vedere il film, quello che vi dico è che è un esperienza legata soprattutto a ciò che ci lasciamo dietro le spalle, alla riflessione di cosa vogliamo fare e tanti altri dogmi che rendono la nostra vita degna di essere vissuta.
Non è un film minore di Van Sant, ma nemmeno il pippone di cui ho sentito parlare (Per parlare di pipponi vedete ad esempio Il Cavallo di Torino ndr) Anzi, direi forse un opera molto sentita, capace di farti restare in silenzio e in riflessione, attraverso lo sguardo del suo protagonista, che grazie alla sua bravura è capace di rendere il personaggio molto simile a noi.
E finalmente un film capace di parlare di dolore, di spiritualità, di cose che abbiamo perduto e anche di speranza, sapete una cosa? Mi è piaciuto, finalmente un film lontano da pipponi, e da film fracassoni senza contenuti diretto da un Gus Van Sant che dimostra di essere capace di parlare e di fare un piccolo film, che ho messo nella categoria cult movie, che davvero ti rimane impresso nella memoria.
Non un capolavoro, ma sicuramente un opera molto sentita.
Voto: 7 e 1/2

 


Commenti

  1. Di sicuro non è l'opera migliore di Van Sant ma ha il suo perché e alla fine mi è piaciuta molto (non guasta il fatto che sia ambientata in Giappone, ovviamente :P).
    Grazie per la citazione!!

    RispondiElimina
  2. Piaciuto anche a me.
    Pensavo di essere il solo. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.