Passa ai contenuti principali

La Foresta dei Sogni

E finalmente ho visto anche io l'ultimo film di Gus Van Sant.
Prima di vederlo ne ho lette di tutti i colori, recensioni che lo stroncavano, ce ne erano un infinità, poi come spesso accade, arriva l'occasione di vederlo e devo dire che quelli che lo stroncavano si sbagliavano.
E' un film diverso senza dubbio, si distanza dalle sue tematiche ma offre uno sguardo lucido e profondo sulla vita, sulla morte, e sui fantasmi che ci portiamo dietro.

La mia, non sarà certo una recensione che lo stroncherà, anzi, ve lo consiglio spassionatamente, perchè per chi mi legge, sa, quanto apprezzi il cinema di Gus Van Sant, sin da quando ho fatto la rassegna 4 o 5 anni fa, adesso l'ho scordato quando l'ho fatta.
Comunquesia adesso devo sparare la mia sentenza, e come dice Bollicina, per vostra gioia e sollucchero.
Il film si basa su forti contenuti spirituali, ne è pieno di riferimenti, non è minimalista ma ti pone nella condizione di riflettere mentre lo stai guardando.
Logico che ha avuto stroncatura a destra e a sinistra, è comprensibile, e, solo un occhio attento è capace di scorgere i contenuti del quale il film ne è pieno zeppo.
Abbiamo un protagonista, Arthur Brennan, un bravissimo Matthew McConaughey, decide di intraprendere un viaggio in giappone nella foresta di Aochigahara, per riflettere sulla vita, e sul dolore della moglie che è morta, incontrerà un uomo che lo aiuterà a sopravvivere e a capire il senso della vita e le cose più importanti, come? Arthur cercherà di salvargli la vita, ma poi scoprirà che le cose che ha visto nella foresta sono appunto legate strettamente alla sua persona.
Non è reale ciò che vede? Per saperlo lo dovete vedere il film, quello che vi dico è che è un esperienza legata soprattutto a ciò che ci lasciamo dietro le spalle, alla riflessione di cosa vogliamo fare e tanti altri dogmi che rendono la nostra vita degna di essere vissuta.
Non è un film minore di Van Sant, ma nemmeno il pippone di cui ho sentito parlare (Per parlare di pipponi vedete ad esempio Il Cavallo di Torino ndr) Anzi, direi forse un opera molto sentita, capace di farti restare in silenzio e in riflessione, attraverso lo sguardo del suo protagonista, che grazie alla sua bravura è capace di rendere il personaggio molto simile a noi.
E finalmente un film capace di parlare di dolore, di spiritualità, di cose che abbiamo perduto e anche di speranza, sapete una cosa? Mi è piaciuto, finalmente un film lontano da pipponi, e da film fracassoni senza contenuti diretto da un Gus Van Sant che dimostra di essere capace di parlare e di fare un piccolo film, che ho messo nella categoria cult movie, che davvero ti rimane impresso nella memoria.
Non un capolavoro, ma sicuramente un opera molto sentita.
Voto: 7 e 1/2

 


Commenti

  1. Di sicuro non è l'opera migliore di Van Sant ma ha il suo perché e alla fine mi è piaciuta molto (non guasta il fatto che sia ambientata in Giappone, ovviamente :P).
    Grazie per la citazione!!

    RispondiElimina
  2. Piaciuto anche a me.
    Pensavo di essere il solo. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.