Passa ai contenuti principali

Regression

No, non ci siamo.
Fino alla visione di Regression, è stato un susseguirsi di sorprese che mi hanno fatto capire che del cileno ci si poteva fidare.
Volevo fare l'esperienza della visione della sua ultima fatica con questo film, e non vi dico la delusione che ho provato.
Prima di tutto perchè per la prima volta non riesce ad imbastire una trama nel modo più originale possibile, e, dopo il bellissimo Apri Gli Occhi le aspettative erano enormi, perchè fino a che non ha diretto Regression, almeno per quanto riguarda la sottoscritta, non ha sbagliato un colpo.
Poi certo, a tutti può capitare di toppare ogni tanto eh?
Anche se si tratta di autori di talento come appunto Amenabar.

La trama racconta di una cittadina americana, in cui si sospetta siano accaduti riti satanici, allora i poliziotti cercano i colpevoli, affidandosi all'ipnosi regressiva, da cui il titolo del film.
Fin qui tutto interessante direte voi, e la trama non nascondo ha incuriosito anche me, ma poi?
Poi si continua con l'escalation di verità e bugie che circondano la piccola cittadina di provincia senza mai andare al dunque.
Il regista per la prima volta - cosa inusuale per lui, dopotutto con una trama più complessa di questa ha fatto quel miracolo chiamato Apri gli Occhi, mio film preferito da lui diretto - non sa che pesci pigliare, sembra più che altro che non riesca a tessere la trama ed arrivare a una specie di verità.
Io da spettatrice avevo molte aspettative, avendolo rispolverato per la rubrica Riguarda & Recensisci, ho voluto visionare anche film che ancora non avevo visto, queste aspettative sono andate deluse, e mi dispiace scriverlo ma è così.
E mai possibile che i registi quando si trovano in terra americana non riescano ad essere innovativi e originali come quando sono a casa loro?
Mi stupisco di questo e mi dispiace anche perchè Amenabar mi piace e anche parecchio, soprattutto perchè nonostante sia abbastanza giovane, ha saputo dare una forte impronta ai film che ha diretto precedentemente.
Ho visionato tutta la sua filmografia, compreso Tesis, che in confronto a questo è un piccolo grande cult movie, e spero di recensirlo molto presto, ma in Regression, tutto quanto è scult, dalla scelta degli attori, alla sceneggiatura campata in aria, che si risolve il tutto con una bolla di sapone che non va da nessuna parte.
Insomma, un film tutto fumo e niente arrosto, che non  aggiunge molto sia al cinema in generale, che alla filmografia di Amenabar, peccato, peccato davvero.
Io che ho imparato ad apprezzarlo quando ho registrato Apri gli Occhi che mi è piaciuto a prima botta, vedere questo film mi ha lasciata perplessa, e mi sono chiesta e non sto scherzando, ma è davvero Amenabar che ha diretto questo film? Quell' Amenabar?
La risposta purtroppo è affermativa.
Dovrebbe concentrarsi parecchio su copioni che sente davvero, non in film su commissione, ci guadagnerebbe di più.
In quanto ad Emma Watson in questo film è talmente fuori parte che la sua recitazione rasenta il ridicolo, per non parlare di Ethan Hawke...nel suo ruolo di detective è talmente stonato che la sua presenza stona e appesantisce il tutto, la figura del detective dovrebbe essere risolutoria, invece sembra in questo film essere un personaggio come un altro, assolutamente senza spessore.
In conclusione, un occasione davvero mancata, spero che nel suo nuovo film riesca a regalarci un altra perla di quando girava film in spagna, dove ha dimostrato di essere molto ispirato.
Voto: 5

  
 

Commenti

  1. Anche a me ha deluso tanto, perché nonostante buoni propositi e temi risulta vuoto e leggermente insulso ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.