Passa ai contenuti principali

Regression

No, non ci siamo.
Fino alla visione di Regression, è stato un susseguirsi di sorprese che mi hanno fatto capire che del cileno ci si poteva fidare.
Volevo fare l'esperienza della visione della sua ultima fatica con questo film, e non vi dico la delusione che ho provato.
Prima di tutto perchè per la prima volta non riesce ad imbastire una trama nel modo più originale possibile, e, dopo il bellissimo Apri Gli Occhi le aspettative erano enormi, perchè fino a che non ha diretto Regression, almeno per quanto riguarda la sottoscritta, non ha sbagliato un colpo.
Poi certo, a tutti può capitare di toppare ogni tanto eh?
Anche se si tratta di autori di talento come appunto Amenabar.

La trama racconta di una cittadina americana, in cui si sospetta siano accaduti riti satanici, allora i poliziotti cercano i colpevoli, affidandosi all'ipnosi regressiva, da cui il titolo del film.
Fin qui tutto interessante direte voi, e la trama non nascondo ha incuriosito anche me, ma poi?
Poi si continua con l'escalation di verità e bugie che circondano la piccola cittadina di provincia senza mai andare al dunque.
Il regista per la prima volta - cosa inusuale per lui, dopotutto con una trama più complessa di questa ha fatto quel miracolo chiamato Apri gli Occhi, mio film preferito da lui diretto - non sa che pesci pigliare, sembra più che altro che non riesca a tessere la trama ed arrivare a una specie di verità.
Io da spettatrice avevo molte aspettative, avendolo rispolverato per la rubrica Riguarda & Recensisci, ho voluto visionare anche film che ancora non avevo visto, queste aspettative sono andate deluse, e mi dispiace scriverlo ma è così.
E mai possibile che i registi quando si trovano in terra americana non riescano ad essere innovativi e originali come quando sono a casa loro?
Mi stupisco di questo e mi dispiace anche perchè Amenabar mi piace e anche parecchio, soprattutto perchè nonostante sia abbastanza giovane, ha saputo dare una forte impronta ai film che ha diretto precedentemente.
Ho visionato tutta la sua filmografia, compreso Tesis, che in confronto a questo è un piccolo grande cult movie, e spero di recensirlo molto presto, ma in Regression, tutto quanto è scult, dalla scelta degli attori, alla sceneggiatura campata in aria, che si risolve il tutto con una bolla di sapone che non va da nessuna parte.
Insomma, un film tutto fumo e niente arrosto, che non  aggiunge molto sia al cinema in generale, che alla filmografia di Amenabar, peccato, peccato davvero.
Io che ho imparato ad apprezzarlo quando ho registrato Apri gli Occhi che mi è piaciuto a prima botta, vedere questo film mi ha lasciata perplessa, e mi sono chiesta e non sto scherzando, ma è davvero Amenabar che ha diretto questo film? Quell' Amenabar?
La risposta purtroppo è affermativa.
Dovrebbe concentrarsi parecchio su copioni che sente davvero, non in film su commissione, ci guadagnerebbe di più.
In quanto ad Emma Watson in questo film è talmente fuori parte che la sua recitazione rasenta il ridicolo, per non parlare di Ethan Hawke...nel suo ruolo di detective è talmente stonato che la sua presenza stona e appesantisce il tutto, la figura del detective dovrebbe essere risolutoria, invece sembra in questo film essere un personaggio come un altro, assolutamente senza spessore.
In conclusione, un occasione davvero mancata, spero che nel suo nuovo film riesca a regalarci un altra perla di quando girava film in spagna, dove ha dimostrato di essere molto ispirato.
Voto: 5

  
 

Commenti

  1. Anche a me ha deluso tanto, perché nonostante buoni propositi e temi risulta vuoto e leggermente insulso ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.