Passa ai contenuti principali

American Pastoral

E' già passato un po' di tempo da quando ho visto American Pastoral, opera prima di Ewan McGregor, che si cimenta per la prima volta nella regia, adattando per lo schermo il romanzo di Philip Roth.

Ci sono stati pareri contrastanti su questo film, almeno su letterboxd, sito che uso come database per tutti i film che vedo, e sono tantissimi, anche se devo ammettere devo ancora fare molta strada.
Comunquesia ho trovato il film capace di coinvolgermi, e non scherzo.
E' la storia della caduta di un sogno, che difficilmente si accetta.
Abbiamo come protagonisti lo stesso Ewan McGregor nel ruolo de lo svedese, ebreo che in passato è stato campione di football, sposa una bella ragazza che in passato è stata una miss, tutto sembra perfetto, anche se lui è un ebreo e il padre di lei ci mette un bel po' prima di accettare la cosa.
Comunque sia sembrano aver costruito la famiglia perfetta, un buon lavoro, una bella casa, i soldi che entrano a palate, ma c'è qualcosa con cui non hanno fatto i conti: la loro figlia, che entra subito in conflitto con loro sin da quando era piccola.
Alla bambina sta  stretto quel mondo così "perfetto" e comincia ad estraniarsi dalla propria famiglia, i genitori credono che abbia problemi, e cercano in tutti i modi di aiutarla.

Ma la frattura tra la ragazza e i genitori è presente, esiste, e continuerà fino al punto di rottura, quando ormai tutti i sogni e le certezze andranno in sfracello.
Se il film di McGregor è stupendo, perchè lo è, questo senza ombra di dubbio, e vi consiglio la visione, sono sicura che lo apprezzerete pure voi, anche il romanzo che lo ha ispirato dovrebbe essere ancora meglio.
Comunque non ho letto il romanzo, cercherò di farlo lo prometto, ma ho visto il film, che senza dubbio racconta la distruzione del sogno americano attraverso gli occhi di un uomo, che vede scomparire tutte le sue certezze e i suoi affetti, che ha costruito, attorno a se.
Quando poi la figlia si trova coinvolta in attentati terroristici, ormai Jerry levov, ovvero lo svedese, capisce che tutto ciò per cui credeva è andato perduto.
Comincia persino un conflitto con la moglie, memorabile è la scena in cui se la ritrova nuda nel suo ufficio con la corona da miss, che urla come una pazza, segno che tutto ciò che era è non solo andato perduto, ma la realtà è che era solo un illusione.
Non c'è redenzione per questa coppia così "perfetta" eppure così normale, forse anche più normale degli altri, con i loro pregi e difetti, che usciranno fuori condannando un mondo ovattato e fasullo su cui hanno costruito un intera esistenza.
Jerry e sua moglie devono fare i conti con la realtà della vita, anche se faranno di tutto per preservare la loro figlia dalla realtà e cercare di salvarla da una situazione in cui ormai non può essere salvata, dato che non credono affatto che lei sia coinvolta in quegli attentati.
Ma la realtà si presenta come un fulmine a ciel sereno, nel drammatico confronto tra padre e figlia, in cui finalmente si scoprono le carte, e conoscerà davvero quella figlia tanto amata.
Ma un padre può accettare una cosa simile? Il finale è sconvolgente, un vero pugno in piena faccia, che sottolinea una separazione drammatica e dura che è la risposta a tutte le certezze della vita borghese costruita da Jerry e da sua moglie.
Un film duro, a tratti spietato che sottolinea la vaquità del sogno americano, contro la realtà della vita.
Tutti noi vediamo la vita in modi differenti, c'è chi accetta passivamente l'immobilismo con rassegnazione, c'è invece chi non accetta la falsità di una "felicità" costruita ad hoc per il quieto vivere, e la figlia di Jerry, fa parte della seconda categoria.
In conclusione, un film emozionante e coinvolgente, che rasenta il capolavoro, anche se non lo tocca a tutti gli effetti, duro, e spietato contro le certezze di una felicità costruita invece che realistica.
In poche parole, un film imperdibile, bravissimo Ewan McGregor che ha saputo tradurre per lo schermo un opera realistica quanto toccante.
Voto: 9





Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.