Passa ai contenuti principali

Florence

Ed è giunta l'ora di recensire anche Florence, ultima fatica di Stephen Frears, e ultima interpretazione di Meryl Streep, che, nel ruolo della miliardaria stonata si becca l'ennesima nomination agli oscar: la ventesima signori miei.


Un appunto di nota, seppur sia ormai stranoto che Meryl Streep sia una grande attrice, era proprio necessaria la sua ennesima nomination all'oscar?
Ormai ho capito che se in un film Meryl Streep scorreggia, stai sicuro che avrà anche la nomination all'oscar, magari penseranno di premiare chi ha scorreggiato meglio in quel dato film.
Comunque sia ora come ora sembra un paradosso che un attrice, che nonostante il talento sia così sopravvalutata, no, credo che Meryl Streep sia l'attrice più sopravvalutata della storia del cinema, basta essere brava in tanti film, e lo sei per sempre, quindi è d'obbligo assegnarle la nomination, anche se io personalmente l'avrei data a Amy Adams per il bellissimo Animali Notturni e sarebbe stata decisamente una cinquina interessante per il premio più ambito della settima arte, e invece come sempre mi ritrovo Meryl Streep nominata per la ventesima volta.
Oddio non è che questo film sia da buttare via, bene o male si può vedere, ma il tutto risulta come un opera fine a se stessa, basta prendersi un pacchetto di popcorn e goderselo tra un film impagnato e l'altro.
Stephen Frears ha fatto decisamente meglio, basti pensare al cultissimo Alta Fedeltà o The Queen dove ha dato senza dubbio il meglio di se.
In Florence invece si ha l'impressione, nonostante la pellicola sia di piacevole visione, a volte persino divertente, che l'autore abbia fatto il compitino giusto in tempo per partecipare gli oscar, infatti si nota una cura patinata nei dettagli che non sono tipici del cinema di Frears e, per chi lo conosce bene, o ha masticato il suo cinema come la sottoscritta, deve riconoscere che forse ha diretto un film che non sentiva come suo, e che abbia avuto poca ispirazione nel dirigerlo.
Hugh Grant invece mi è sembrato il solito personaggio sornione in cui la protagonista si appoggia, ma nulla di più, sinceramente mi è piaciuto di più in altri film che ha girato che in questo film, anche se devo dire la sua presenza salva il film almeno in parte, ecco, una nomination forse, e dico forse l'avrei data a lui, tanto per diversificare.
Cosa resta di Florence nonostante l'ennesima nomination alla Streep? Forse un occasione mancata? Qualcosa che potrebbe benissimo andare bene agli oscar ma che non si è fatta con la giusta dose di ispirazione.
In conclusione una pellicola di stampo tradizionale girata su commissione, che non aggiunge molto al cinema di Frears con una Meryl Streep che gigioneggia fin troppo nel suo ruolo di grande attrice.
Si può certamente vedere, ma non aspettatevi poi tanto.
Fossi in voi mi concentrerei su altri film di Frears.
 Voto: 6


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.