Passa ai contenuti principali

Florence

Ed è giunta l'ora di recensire anche Florence, ultima fatica di Stephen Frears, e ultima interpretazione di Meryl Streep, che, nel ruolo della miliardaria stonata si becca l'ennesima nomination agli oscar: la ventesima signori miei.


Un appunto di nota, seppur sia ormai stranoto che Meryl Streep sia una grande attrice, era proprio necessaria la sua ennesima nomination all'oscar?
Ormai ho capito che se in un film Meryl Streep scorreggia, stai sicuro che avrà anche la nomination all'oscar, magari penseranno di premiare chi ha scorreggiato meglio in quel dato film.
Comunque sia ora come ora sembra un paradosso che un attrice, che nonostante il talento sia così sopravvalutata, no, credo che Meryl Streep sia l'attrice più sopravvalutata della storia del cinema, basta essere brava in tanti film, e lo sei per sempre, quindi è d'obbligo assegnarle la nomination, anche se io personalmente l'avrei data a Amy Adams per il bellissimo Animali Notturni e sarebbe stata decisamente una cinquina interessante per il premio più ambito della settima arte, e invece come sempre mi ritrovo Meryl Streep nominata per la ventesima volta.
Oddio non è che questo film sia da buttare via, bene o male si può vedere, ma il tutto risulta come un opera fine a se stessa, basta prendersi un pacchetto di popcorn e goderselo tra un film impagnato e l'altro.
Stephen Frears ha fatto decisamente meglio, basti pensare al cultissimo Alta Fedeltà o The Queen dove ha dato senza dubbio il meglio di se.
In Florence invece si ha l'impressione, nonostante la pellicola sia di piacevole visione, a volte persino divertente, che l'autore abbia fatto il compitino giusto in tempo per partecipare gli oscar, infatti si nota una cura patinata nei dettagli che non sono tipici del cinema di Frears e, per chi lo conosce bene, o ha masticato il suo cinema come la sottoscritta, deve riconoscere che forse ha diretto un film che non sentiva come suo, e che abbia avuto poca ispirazione nel dirigerlo.
Hugh Grant invece mi è sembrato il solito personaggio sornione in cui la protagonista si appoggia, ma nulla di più, sinceramente mi è piaciuto di più in altri film che ha girato che in questo film, anche se devo dire la sua presenza salva il film almeno in parte, ecco, una nomination forse, e dico forse l'avrei data a lui, tanto per diversificare.
Cosa resta di Florence nonostante l'ennesima nomination alla Streep? Forse un occasione mancata? Qualcosa che potrebbe benissimo andare bene agli oscar ma che non si è fatta con la giusta dose di ispirazione.
In conclusione una pellicola di stampo tradizionale girata su commissione, che non aggiunge molto al cinema di Frears con una Meryl Streep che gigioneggia fin troppo nel suo ruolo di grande attrice.
Si può certamente vedere, ma non aspettatevi poi tanto.
Fossi in voi mi concentrerei su altri film di Frears.
 Voto: 6


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…