Passa ai contenuti principali

Swimming Pool

                                                                Riguarda&Recensisci

E anche stasera c'è Riguarda & Recensisci, che come sapete è una rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, oggi prendo dal cappello dei film una opera piuttosto curiosa di François Ozon.
Alla prima visione ho avuto l'impressione di assistere a una specie di giallo in cui la scrittrice, subisce il fascino di una femme fatale, ma allo stesso tempo alla seconda visione, cioè quella di stasera, mi sono accorta pur restando della mia opinione che si tratta di uno dei film più belli di Ozon, che non tutto è come appare.

Ovviamente non starò qui a spoilerare il tutto perchè altrimenti vi rovinerei la visione, dico solamente che è un film particolare, e come tale va preso.
Bravissime le due coprotagoniste, altrettanto curioso è l'editore di Sarah, una intrigante Charlotte Rampling, che per la seconda volta lavora con François Ozon, dopo il bellissimo Sotto La Sabbia che fa parte della trilogia della morte del bravo regista francese.
Vi dico solamente, senza ovviamente spoilerare, che si tratta di un opera il cui mistero gioca molto sulla composizione del romanzo della scrittrice protagonista, che viene invasa dall'arrivo della figlia del suo editore, una ragazza piuttosto emancipata, e libera rispetto a lei, donna molto rigida e chiusa nel suo mondo.
Il suo mondo si scontra con quello della ragazza, che sopporta a malappena, perchè ha l'abitudine di portarsi a casa un uomo diverso a sera per scoparselo.
Sarah allo stesso tempo ne viene attratta ma la respinge, le da fastidio questo suo modo di comportarsi che disturba la sua quiete di scrittrice, allo stesso tempo però comincia a scrivere vorticosamente il suo romanzo, e lo finisce a tempo record.
Il finale è tutto un programma.
Un cult, non ho da aggiungere altro, la cui narrazione è molto diversa dal classico genere drammatico in cui questo film in parte si dissocia.
Ozon sceglie una narrazione in cui realtà e finzione si scontrano, ma questo non lo dice allo spettatore, che cerca di capire cosa sta guardando , la vera sorpresa si avrà alla fine del film dove si scoprono le carte in tavola.
Decisamente è uno dei migliori film del bravo regista francese, particolarmente apprezzato a casa Lynch, che strizza l'occhio sia al cinema di David Lynch, che ad Alfred Hitchcock riuscendo nell'intento di sorprendere lo spettatore.
Un piccolo giallo particolare che riesce a incollarti nello schermo, e scusate se è poco.
Se vi piace il cinema particolare non potete certamente lasciarvelo scappare, io l'ho visto due volte e tutte e due le volte ne sono rimasta piacevolmente colpita.
In conclusione, è un film decisamente per palati fini.
Voto: 7

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.