Passa ai contenuti principali

Swimming Pool

                                                                Riguarda&Recensisci

E anche stasera c'è Riguarda & Recensisci, che come sapete è una rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, oggi prendo dal cappello dei film una opera piuttosto curiosa di François Ozon.
Alla prima visione ho avuto l'impressione di assistere a una specie di giallo in cui la scrittrice, subisce il fascino di una femme fatale, ma allo stesso tempo alla seconda visione, cioè quella di stasera, mi sono accorta pur restando della mia opinione che si tratta di uno dei film più belli di Ozon, che non tutto è come appare.

Ovviamente non starò qui a spoilerare il tutto perchè altrimenti vi rovinerei la visione, dico solamente che è un film particolare, e come tale va preso.
Bravissime le due coprotagoniste, altrettanto curioso è l'editore di Sarah, una intrigante Charlotte Rampling, che per la seconda volta lavora con François Ozon, dopo il bellissimo Sotto La Sabbia che fa parte della trilogia della morte del bravo regista francese.
Vi dico solamente, senza ovviamente spoilerare, che si tratta di un opera il cui mistero gioca molto sulla composizione del romanzo della scrittrice protagonista, che viene invasa dall'arrivo della figlia del suo editore, una ragazza piuttosto emancipata, e libera rispetto a lei, donna molto rigida e chiusa nel suo mondo.
Il suo mondo si scontra con quello della ragazza, che sopporta a malappena, perchè ha l'abitudine di portarsi a casa un uomo diverso a sera per scoparselo.
Sarah allo stesso tempo ne viene attratta ma la respinge, le da fastidio questo suo modo di comportarsi che disturba la sua quiete di scrittrice, allo stesso tempo però comincia a scrivere vorticosamente il suo romanzo, e lo finisce a tempo record.
Il finale è tutto un programma.
Un cult, non ho da aggiungere altro, la cui narrazione è molto diversa dal classico genere drammatico in cui questo film in parte si dissocia.
Ozon sceglie una narrazione in cui realtà e finzione si scontrano, ma questo non lo dice allo spettatore, che cerca di capire cosa sta guardando , la vera sorpresa si avrà alla fine del film dove si scoprono le carte in tavola.
Decisamente è uno dei migliori film del bravo regista francese, particolarmente apprezzato a casa Lynch, che strizza l'occhio sia al cinema di David Lynch, che ad Alfred Hitchcock riuscendo nell'intento di sorprendere lo spettatore.
Un piccolo giallo particolare che riesce a incollarti nello schermo, e scusate se è poco.
Se vi piace il cinema particolare non potete certamente lasciarvelo scappare, io l'ho visto due volte e tutte e due le volte ne sono rimasta piacevolmente colpita.
In conclusione, è un film decisamente per palati fini.
Voto: 7

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.