Passa ai contenuti principali

Manchester by The Sea

Ed eccocci giunti alla recensione di Manchester by the Sea, l'ultimo film di Kenneth Lonergan, nonchè il primo recensito alla fabbrica di questo regista.
La storia racconta di Lee Chandler, un bravissimo Casey Affleck, giustamente premiato con l'oscar, che deve tornare a Manchester, perchè suo fratello ha avuto un attacco di cuore.
Purtroppo riesce ad arrivare che suo fratello è deceduto.



 Scoprirà che dovrà fare da tutore a suo nipote, che non vuole lasciare il posto in cui è cresciuto, e lui è restìo a lasciare la sua vita.
In una serie di flashback, si racconta la vita felice del protagonista, prima della tragedia che ha segnato indelebilmente la sua vita, ovvero la morte dei figli per un banale incidente di disattenzione perchè si era ubriacato.
Questo fatto ha segnato anche la fine del suo matrimonio e la condanna da parte della moglie per la morte dei piccoli.
Anche se la società non l'ha condannato, lui vive constantemente di quel ricordo tragico, ricordo che lo ha portato anche a tentare il suicidio, ovviamente senza riuscirci.
Guardando questo film ho avuto un abbaglio, all'inizio sembrava barboso, ed avevo la più completa certezza che non mi sarebbe piaciuto.
Poi man mano che andava avanti capii che c'era qualcosa di profondo in questo film, così continuai la visione, con la consapevolezza - anche se non si trattava di un capolavoro - di vedere un ottimo film.
Certe volte si ha l'impressione di non essere coinvolti nella storia, forse a causa di una regia fin troppo controllata che non si lascia andare liberamente, poi capisci che gli attori riescono ad incarnare al meglio i personaggi rendendo il tutto particolarmente intrigante.
Sappiamo di certo che Lee, che lo voglia o no, dovrà fare da padre a suo nipote, anche se questo significa lasciare la vita che ti sei costruito dopo la tragedia.
Perchè se da un lato tuo nipote rappresenta uno spiraglio verso un nuovo inizio - nella vita la speranza non muore mai, e in questo Lonergan è stato piuttosto realistico - da un altro lato bisogna prendere la palla al balzo.
comunque sia un film davvero ben scritto e ben diretto, anche se la regia presenta quei piccoli difetti di cui parlavo prima, difetti piuttosto banali per un film di questo genere.
Particolarmente intenso il confronto/scontro con la madre del ragazzo, che praticamente lo ha abbandonato, ed è stata tenuta lontano a causa dei suoi problemi con l'alcool che si rifà viva, ed ha accanto un nuovo compagno e una nuova vita.
In conclusione, un film tutto da vedere, che rappresenta la consacrazione di un attore, in questo caso Casey Affleck, con una storia che coinvolge dall'inizio alla fine, e scusate se è poco.
Ripeto non un capolavoro ma sicuramente un ottimo film.
Voto: 8








Commenti

  1. Intenso da matti. È stata una piacevolissima sorpresa, non vedo l'ora di rivederlo.

    RispondiElimina
  2. Questi sono i tuoi post che preferisco, continua così! :)

    RispondiElimina
  3. Qui non siamo proprio d'accordo... l'ho trovato noiosissimo e pretenzioso, pesante, senza un minimo d'ironia. Un macigno. Affleck ha vinto l'oscar senza muovere un muscolo facciale in oltre due ore. Che dire? Alla maggioranza è piaciuto e ne prendo atto, ma non lo rivedrei nemmeno sotto tortura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dire altrimenti ti faccio vedere legato a una sedia il cavallo di torino hahahaha ^_^ Scherzi a parte, de gustibus ma il film è particolare, molto suggestivo e intimo forse per questo non fa molta presa sul pubblico ;)

      Elimina
  4. Bellissimo e, a mio avviso, molto realistico nel dipingere un dolore talmente grande da non poter essere neppure espresso. Lonergan è un autore particolare e difficile ma mi piace tantissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.