Passa ai contenuti principali

Manchester by The Sea

Ed eccocci giunti alla recensione di Manchester by the Sea, l'ultimo film di Kenneth Lonergan, nonchè il primo recensito alla fabbrica di questo regista.
La storia racconta di Lee Chandler, un bravissimo Casey Affleck, giustamente premiato con l'oscar, che deve tornare a Manchester, perchè suo fratello ha avuto un attacco di cuore.
Purtroppo riesce ad arrivare che suo fratello è deceduto.



 Scoprirà che dovrà fare da tutore a suo nipote, che non vuole lasciare il posto in cui è cresciuto, e lui è restìo a lasciare la sua vita.
In una serie di flashback, si racconta la vita felice del protagonista, prima della tragedia che ha segnato indelebilmente la sua vita, ovvero la morte dei figli per un banale incidente di disattenzione perchè si era ubriacato.
Questo fatto ha segnato anche la fine del suo matrimonio e la condanna da parte della moglie per la morte dei piccoli.
Anche se la società non l'ha condannato, lui vive constantemente di quel ricordo tragico, ricordo che lo ha portato anche a tentare il suicidio, ovviamente senza riuscirci.
Guardando questo film ho avuto un abbaglio, all'inizio sembrava barboso, ed avevo la più completa certezza che non mi sarebbe piaciuto.
Poi man mano che andava avanti capii che c'era qualcosa di profondo in questo film, così continuai la visione, con la consapevolezza - anche se non si trattava di un capolavoro - di vedere un ottimo film.
Certe volte si ha l'impressione di non essere coinvolti nella storia, forse a causa di una regia fin troppo controllata che non si lascia andare liberamente, poi capisci che gli attori riescono ad incarnare al meglio i personaggi rendendo il tutto particolarmente intrigante.
Sappiamo di certo che Lee, che lo voglia o no, dovrà fare da padre a suo nipote, anche se questo significa lasciare la vita che ti sei costruito dopo la tragedia.
Perchè se da un lato tuo nipote rappresenta uno spiraglio verso un nuovo inizio - nella vita la speranza non muore mai, e in questo Lonergan è stato piuttosto realistico - da un altro lato bisogna prendere la palla al balzo.
comunque sia un film davvero ben scritto e ben diretto, anche se la regia presenta quei piccoli difetti di cui parlavo prima, difetti piuttosto banali per un film di questo genere.
Particolarmente intenso il confronto/scontro con la madre del ragazzo, che praticamente lo ha abbandonato, ed è stata tenuta lontano a causa dei suoi problemi con l'alcool che si rifà viva, ed ha accanto un nuovo compagno e una nuova vita.
In conclusione, un film tutto da vedere, che rappresenta la consacrazione di un attore, in questo caso Casey Affleck, con una storia che coinvolge dall'inizio alla fine, e scusate se è poco.
Ripeto non un capolavoro ma sicuramente un ottimo film.
Voto: 8








Commenti

  1. Intenso da matti. È stata una piacevolissima sorpresa, non vedo l'ora di rivederlo.

    RispondiElimina
  2. Questi sono i tuoi post che preferisco, continua così! :)

    RispondiElimina
  3. Qui non siamo proprio d'accordo... l'ho trovato noiosissimo e pretenzioso, pesante, senza un minimo d'ironia. Un macigno. Affleck ha vinto l'oscar senza muovere un muscolo facciale in oltre due ore. Che dire? Alla maggioranza è piaciuto e ne prendo atto, ma non lo rivedrei nemmeno sotto tortura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dire altrimenti ti faccio vedere legato a una sedia il cavallo di torino hahahaha ^_^ Scherzi a parte, de gustibus ma il film è particolare, molto suggestivo e intimo forse per questo non fa molta presa sul pubblico ;)

      Elimina
  4. Bellissimo e, a mio avviso, molto realistico nel dipingere un dolore talmente grande da non poter essere neppure espresso. Lonergan è un autore particolare e difficile ma mi piace tantissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…