Passa ai contenuti principali

Maniac

Non potete perdervi questo film.
Primo perchè è una bomba spaccaculo, dimenticate il Remake con Elijah Wood, che seppur pregevole è nettamente inferiore a questo caposaldo del genere horror-slasher che mi ha letteralmente conquistata.

Tutto merito di Joe Spinell protagonista del film che l'ha scritto e prodotto e del regista William Lustig al suo esordio nel cinema tradizionale, dopo aver cominciato con il porno.
E non poteva essere un esordio fuori di testa, col botto per giunta.
Joe Spinell che è oltre ad averlo scritto e prodotto il protagonista, interpreta Frank Zito, un uomo apparentemente onesto e normale, ma che in realtà completamente pazzo che di notte, gira per New York, ad uccidere giovani donne e coppiette, come souvenir dei suoi delitti fa lo scalpo alle donne e lo mette ai manichini che sono  a casa sua, e parla con loro per non sentirsi solo.
La caratterizzazione di Zito fatta da Joe Spinell, è di quelle che lasciano il segno, decisamente, e pensare che questo film non lo conoscevo prima che Bradipuccio ne avesse parlato nel suo blog, e anche Robydick, l'amico lontano che spero si riaffacci presto nella blogosfera perchè il suo è il miglior blog di cinema che esiste in italia, il migliore punto.
Comunque sia il film non dura molto, ma è stracarico di tensione dalla prima all'ultima scena, cosa che certamente nel remake manca, questo prima di tutto si concentra sull'azione e la psicopatologia del protagonista, un uomo di mezza età, in sovrappeso che sfoga il suo odio per le donne uccidendole, e sono proprio le donne le sue principali vittime, per questo alla sua uscita il film fu accusato di misoginia.
Misognia giustificata dall'odio del protagonista per il genere femminile causato da traumi infantili compiuti dalla madre.
Ho deciso prima di tutto di inserire questo film nella mia personale classifica di horror preferiti, e come poteva non essere incluso? Poi di inserirlo anche nella categoria dei capolavori cult perchè è una pellicola rispetto a tanti capolavori di facile fruizione, per cultori del cinema di genere, e, seppur essendo un capolavoro, ha delle peculiarità ben lontane dal classico capolavoro.
Insomma dovete fare l'esperienza di vedere questo film stupendo, perchè senza dubbio non solo ti rimane impresso, ma nonostante sia stato girato con pochi mezzi ed effetti speciali - curati da Tom Savini, che ha lavorato anche con il mitico George Andrew Romero ndr - ha il pregio di colpire lo spettatore come un colossale pugno nello stomaco, le scene sono veramente per stomaci forti, non c'è per esempio la voglia della fotografa - che nel remake è una delle protagoniste sin dall'inizio, qui invece è un personaggio marginale che appare quasi alla fine - di comprendere Frank e di stargli vicino, qui invece il regista seppur trattando di un opera cinematografica di genere, vuole colpire lo spettatore nel profondo, dandogli un sonoro pugno nello stomaco, in cui il protagonista non necessita una immedesimazione da parte del pubblico, come succede per il remake, ma anzi fa l'esatto opposto, lui non vuole essere capito, vuole terrorizzare lo spettatore, farlo rabbrividire, e ci riesce immensamente.
Tom Savini non cura ovviamente solo gli effetti speciali, vedere per credere la scena dove la sua testa viene spappolata da un fucile a canne mozze.
Ci sono veramente certe scene da cardiopalma, oltre a quella citata poco fa, c'è quella alla metropolitana e il finale allucinatorio che non vi anticipo per non rovinarvi la sorpresa se ancora non l'avete visto.
In conclusione, Guardatevelo solo se non siete impressionabili.
Voto: 10




Commenti

  1. Condivido il tuo entusiasmo per il film, William Lustig è sottovalutato, e "Maniac" uno dei suoi film più riusciti, per una volta, ho gradito anche il remake del 2010, strano ma vero ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si il remake non è male, ma questo lo supera in tutto e per tutto ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.