Passa ai contenuti principali

Ave Cesare

                                                               Riguarda & Recensisci
E siamo giunti anche allo special dedicato ai mitici - per la sottoscritta ovviamente - fratelli Coen, della rubrica ormai quotidiana alla fabbrica dei sogni Riguarda & Recensisci, sapete le modalità ormai con cui si svolge questa rubrica, ovvero il ripescaggio di film precedentemente visti e non ancora recensiti nel blog.
E la scelta di titoli continua, - ho praticamente scelto film per tutta l'estate fino ad agosto, - ma non vi anticipo nulla perchè i titoli verranno resi noti, ogni domenica, settimana dopo settimana.
Ma andiamo al film, l'ultimo titolo diretto dai fratellini di Minneapolis, sapete che sono una grande estimatrice del loro cinema, avendo fatto una rassegna mai completata e che ora, domani che è domenica, e lunedì verranno completate le recensioni alla loro intera filmografia.

La cosa che balza subito all'occhio è che ci troviamo di fronte a un film decisamente differente del loro solito, un po' sottotono, anche se sottotono è una parola grossa parlando del loro modo di fare cinema.
Comunquesia, questa è la seconda volta che lo guardo, la prima è stata l'anno scorso e già allora sono rimasta un po' perplessa.
Preciso che, il film di per se non è male, una regia curata nei minimi particolari, una recitazione anch'essa interessante, costumi e scenografie particolarmente curati e via dicendo.
In tutto questo però manca qualcosa, forse il problema principale è la sceneggiatura, la storia in se non ha quella cattiveria tipica del loro stile.
Peccato perchè poteva nascere un altro capolavoro come ad esempio Mr Hula Hoop o anche Prima ti sposo e Poi Ti Rovino, per non parlare anche di Burn after Reading, che sono a differenza di Ave Cesare stilisticamente taglienti, hanno una cattiveria pungente che salta subito all'occhio.
Nonostante Ave Cesare sia una opera cinematografica piuttosto interessante, infarcita da scene stilisticamente eleganti, che saltano subito all'occhio, come la danza dei marinai, oppure il pezzo con Scarlett Johansson in stile Ester Williams.
Una cosa di buono comunque c'è, fanno un chiaro omaggio alla vecchia hollywood, anche se una critica al mondo dorato del cinema avrebbe fatto guadagnare alla pellicola parecchi punti in più.
Tutto è concentrato sulla figura di un produttore impersonato da Josh Brolin, che deve fare in modo che tutto fili liscio e che non escano scandali dal suo ufficio, nel frattempo il protagonista del peplum che sta girando George Clooney, al quarto film insieme ai Coen, viene rapito, da un gruppo di comunisti, che chiedono un riscatto al produttore per rilasciarlo.
La cosa inconsueta per il cinema dei fratellini, è che l'ostaggio comincia a conoscere coloro che lo hanno capito, e riesce a capire le loro motivazioni del loro gesto, cercando una comprensione della vita che vedrà il suo culmine nel confronto con il produttore che cerca di strattonarlo quando l'attore stesso parla di cominusmo e gli fa capire di non essere d'accordo con l'industria cinematografica capitalista.
Ma allora voi vi chiedereste mi è piaciuto questo film?
Diciamo una via di mezzo? No, tranquilli, non è certamente un occasione sprecata, forse hanno voluto fare un film diverso dal loro solito, ed è comprensibile, visto ormai la loro veneranda età, scherzi apparte, nonostante tutto il film mi è piaciuto dai, voglio dare un punto a loro favore per il loro cinema, che nonostante tutto è sempre tra i miei favoriti.
I Coen, sono nel mio olimpo da tempo ormai, anche se la recensione deve essere obiettiva, io con loro non ci riesco ad esserla, perchè bastano certe scene che ti incantano e la seria critica va a farsi benedire.
Ovviamente sto parlando da fan, non da critica.
In conclusione, un film meno arrabbiato e più consone al grande pubblico, che ogni tanto non fa mai male.
Voi dite che i fratellini sono diventati buoni?
Io spero che ritornino cattivi, perchè quando escono fuori la loro perfidia sono capaci di fare miracoli.
Voto: 7

 




Commenti

  1. La cosa buffa è che tutta la cattiveria viene racchiusa nel trailer, ma nel complesso è un film divertente nonostante sia a tratti dispersivo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.