Passa ai contenuti principali

Le Due Inglesi e Il Continente

                                                                       Riguarda & Recensisci

Nuovo appuntamento con lo speciale di Riguarda & Recensisci, dedicato al cinema di François Truffaut, ormai manca poco per terminare le recensioni a tutta la sua filmografia, oggi tocca a Le Due Inglesi e Il Continente.
Un film raffinatissimo e molto romantico, costruito con una voce fuori campo che ne narra la storia di un triangolo amoroso - dopo ovviamente quello di Jules e Jim - tra Claude, giovane ragazzo francese, con la passione per la scrittura, e due sorelle inglesi Anne e Muriel, che si innamorano di lui.


 Da sempre Truffaut, ci ha abituati a storie d'amore complicate, spesso che toccano la follia, con Le Due Inglesi e il Continente, - anch'esso tratto da un romanzo Henri Pierre Rochè, lo stesso autore di Jules e Jim - si addentra nel lato più intimo dei sentimenti, che, questa volta non sono portati all'estremo, ma vengono narrati cercando sia l'empatia dello spettatore, che si riconosce molto nei personaggi, sia allo stesso tempo di imprimere questa storia nella memoria.


Le Due Inglesi e Il Continente per certi versi è il suo ennesimo capolavoro, tutto è misurato, è ben imbastito, ci sono momenti che sorprendono lo spettatore perchè narrati in maniera sincera che in certi momenti appaiono tormentati, i protagonisti vivono questo amore che li lega, e ne percepiamo i timori, i dubbi, le sofferenze e via dicendo.
Ci sono momenti particolarmente forti, senza ovviamente risultare molto eccessivi, si respira un aria letterale e suggestiva, il tutto è girato con la freschezza di un racconto narrato in maniera sorprendente e loquace.
Truffaut stesso diceva che questo era il suo preferito tra i film che ha diretto, e ci credo, si capisce la cura con cui maneggia i personaggi, il film inoltre ha una bellissima colonna sonora che accompagna in maniera discreta lo spettatore senza stancarlo mai, scritta ovviamente da George Delerue, che qui si ritaglia un piccolissimo ruolo di secondo piano.
Protagonista maschile è ovviamente Jean Pierre Leud, che veste i panni di Claude, ovvero il continente del titolo, mentre le due inglesi sono interpretate da Kika Markham nel ruolo di Anne Brown e Stacey Tendeter nel ruolo di Muriel.
C'è chi ha notato qualcosa di autobiografico in questo film, in quanto Truffaut stesso si è innamorato di Catherine Deneuve e sua sorella Françoise D'orleac.
Un film stupendo, non ce ne sono molti uguali, e quindi bisogna cercare di farli conoscere il più possibile.
Lo spettatore sente tutto ciò che sentono i protagonisti, Truffaut è bravissimo a fare sentire tutti i sentimenti, le paure dei protagonisti, con una precisione quasi chirurgica.
Che abbia amato il romanzo originario lo si nota dalla cura con cui ha diretto questo sorprendente film.
Vi invito caldamente a guardarlo, sono sicura che non lo dimenticherete tanto facilmente, almeno fate l'esperienza della visione, che reputo importantissima, sia per la conoscenza di uno degli autori che hanno fatto la storia, grazie alla nouvelle vague, sia per un film per certi versi atipico rispetto agli altri che ha diretto, che parla si d'amore, ma che ha la capacità non comune di prendere lo spettatore e catapultarlo nella storia.
Questa volta viene messo in scena un triangolo amoroso che evita la tragedia, anche se con quel finale aperto, non da certamente risposte sensate, si rivedranno tutti e tre insieme? Alla fine Claude, sceglierà con chi stare, oppure lascerà nella malinconia e nei ricordi i suoi sentimenti per seppellirli infondo al cuore?
Questo Truffaut non ce lo dice, forse cerca di farcelo intuire.
Nonostante tutto un capolavoro che, per chi ama Truffaut e il cinema in generale, non può mancare in una collezione che si rispetti.
Voto: 10

 


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.