Passa ai contenuti principali

Blade Runner

                                                             Riguarda & Recensisci

Nuovo appuntamento stasera con Riguarda & Recensisci, rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, oggi si recensisce un film che è già mitico di per se, uno dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi e capolavoro di Ridley Scott, tratto dal romanzo del 1968 di Philip K Dick Il Cacciatore di Androidi


Finito di ri-vedere poco fa, giusto il tempo per recensirlo dopo la re-visione.
Questo film me l'ha fatto conoscere mio fratello, e credo nel 2002 lo registrai daccordo con lui alla tele con la promessa che non l'avrei cancellato.
Ancora ho quella vhs conservata, dovrei avere anche la versione in divx credo, ma dovrei controllare meglio.


Comunquesia, ora che siamo in gioco giochiamo.
La trama mescola vari generi e vede Deckard un agente della polizia, un cacciatore di replicanti, che opera nell'unità Blade Runner, da cui il titolo del film, per scovare i replicanti ancora in circolazione e distruggerli.
Nel frattempo, conosce e si innamora della bella Rachel, inconsapevole di essere una replicante, in quanto cosciente di essere un essere umano.
Rachel però è speciale, in quanto non ha un termine, rispetto gli altri replicanti.
Il film è girato con un tripudio di scene vorticose che lasciano senza fiato lo spettatore, Ridley Scott qui è veramente al suo meglio, e dirige un film che è già entrato nella storia del cinema, grazie a una cura per i particolari, sia nello script al cardiopalma, sia per le scenografie futuristiche, che rimandano a una realtà futura immaginaria come l'aveva scritta Philip K Dick, riuscendo a personalizzarla in modo eccellente.
La colonna sonora è di Vangelis, ed è bellissima, vi consiglio di ascoltare i vari temi che sono nel film, che fanno da sfondo a una storia capace di imprimersi nella memoria dello spettatore.
Ti fa capire i sentimenti di questi replicanti, che non sono altro che copie di esseri umani costruite in laboratorio, ma anche loro hanno un cuore, sottolineo la presenza anche di Ruthger Hauer, attore olandese che interpreta un replicante a cui Harrison Ford da la caccia per tutto il film.
C'è anche Daryl Hannah nel ruolo di Pris, altri replicante a cui Deckard da la caccia per distruggerlo.
La cosa che fa  funzionare il film, è oltre la storia, anche la regia personalissima ed eccellente di un Ridley Scott capace allora di sfornare autentici capolavori. Blade Runner è senza dubbio il suo secondo capolavoro dopo ovviamente l'altro suo capolavoro assoluto Alien.
E pensare che alla sua uscita non ebbe particolarmente successo, ma come spesso accade alle migliori pellicole, è il tempo che ha stabilito il suo autentico capolavoro.
Un film che è invecchiato bene, nonostante siano passati 35 anni dalla sua uscita non risente minimamente il passare del tempo, ed è ancora attuale nonostante tutto.
E anche un altra delle più grandi interpretazioni di Harrison Ford, il suo Deckard è decisamente un ruolo che ha fatto la storia del cinema.
Come del resto l'ha fatta anche Blade Runner.
In Conclusione, un film epocale, capace di trascendere il tempo e di entrare nella storia del cinema aggiungendo un altro tassello originale e senza dubbio leggendario al cinema di fantascienza.
Voto: 10

  









Commenti

  1. Io ho visto anche la versione Director's Cut, e niente...sempre più straordinario, un vero e proprio capolavoro ;)

    RispondiElimina
  2. Capolavoro assoluto!
    Troppo intelligente per le masse dei ragazzini (a quel tempo stregati da quella specie di fumetto di GUERRE STELLARI), troppo amaro per chi ama i finali sdolcinati.
    In autunno vedremo il sequel. Vedremo un Harrison Ford mummificato o ci farà applaudire con tutte e tre le mani?

    RispondiElimina
  3. Mega Kult personale!
    Dimenticavo: Buona Pasqua

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.