Passa ai contenuti principali

Blade Runner

                                                             Riguarda & Recensisci

Nuovo appuntamento stasera con Riguarda & Recensisci, rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, oggi si recensisce un film che è già mitico di per se, uno dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi e capolavoro di Ridley Scott, tratto dal romanzo del 1968 di Philip K Dick Il Cacciatore di Androidi


Finito di ri-vedere poco fa, giusto il tempo per recensirlo dopo la re-visione.
Questo film me l'ha fatto conoscere mio fratello, e credo nel 2002 lo registrai daccordo con lui alla tele con la promessa che non l'avrei cancellato.
Ancora ho quella vhs conservata, dovrei avere anche la versione in divx credo, ma dovrei controllare meglio.


Comunquesia, ora che siamo in gioco giochiamo.
La trama mescola vari generi e vede Deckard un agente della polizia, un cacciatore di replicanti, che opera nell'unità Blade Runner, da cui il titolo del film, per scovare i replicanti ancora in circolazione e distruggerli.
Nel frattempo, conosce e si innamora della bella Rachel, inconsapevole di essere una replicante, in quanto cosciente di essere un essere umano.
Rachel però è speciale, in quanto non ha un termine, rispetto gli altri replicanti.
Il film è girato con un tripudio di scene vorticose che lasciano senza fiato lo spettatore, Ridley Scott qui è veramente al suo meglio, e dirige un film che è già entrato nella storia del cinema, grazie a una cura per i particolari, sia nello script al cardiopalma, sia per le scenografie futuristiche, che rimandano a una realtà futura immaginaria come l'aveva scritta Philip K Dick, riuscendo a personalizzarla in modo eccellente.
La colonna sonora è di Vangelis, ed è bellissima, vi consiglio di ascoltare i vari temi che sono nel film, che fanno da sfondo a una storia capace di imprimersi nella memoria dello spettatore.
Ti fa capire i sentimenti di questi replicanti, che non sono altro che copie di esseri umani costruite in laboratorio, ma anche loro hanno un cuore, sottolineo la presenza anche di Ruthger Hauer, attore olandese che interpreta un replicante a cui Harrison Ford da la caccia per tutto il film.
C'è anche Daryl Hannah nel ruolo di Pris, altri replicante a cui Deckard da la caccia per distruggerlo.
La cosa che fa  funzionare il film, è oltre la storia, anche la regia personalissima ed eccellente di un Ridley Scott capace allora di sfornare autentici capolavori. Blade Runner è senza dubbio il suo secondo capolavoro dopo ovviamente l'altro suo capolavoro assoluto Alien.
E pensare che alla sua uscita non ebbe particolarmente successo, ma come spesso accade alle migliori pellicole, è il tempo che ha stabilito il suo autentico capolavoro.
Un film che è invecchiato bene, nonostante siano passati 35 anni dalla sua uscita non risente minimamente il passare del tempo, ed è ancora attuale nonostante tutto.
E anche un altra delle più grandi interpretazioni di Harrison Ford, il suo Deckard è decisamente un ruolo che ha fatto la storia del cinema.
Come del resto l'ha fatta anche Blade Runner.
In Conclusione, un film epocale, capace di trascendere il tempo e di entrare nella storia del cinema aggiungendo un altro tassello originale e senza dubbio leggendario al cinema di fantascienza.
Voto: 10

  









Commenti

  1. Io ho visto anche la versione Director's Cut, e niente...sempre più straordinario, un vero e proprio capolavoro ;)

    RispondiElimina
  2. Capolavoro assoluto!
    Troppo intelligente per le masse dei ragazzini (a quel tempo stregati da quella specie di fumetto di GUERRE STELLARI), troppo amaro per chi ama i finali sdolcinati.
    In autunno vedremo il sequel. Vedremo un Harrison Ford mummificato o ci farà applaudire con tutte e tre le mani?

    RispondiElimina
  3. Mega Kult personale!
    Dimenticavo: Buona Pasqua

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.