Passa ai contenuti principali

Blair Witch

Torna la strega di Blair, nel sequel diretto del primo film uscito nel 1999, in cui ora è il fratello di una delle vittime e un gruppo di amici ad addentrarsi nel bosco per scoprire che fine hanno fatto i ragazzi scomparsi del primo film.

Lo devo dire, il primo film della serie, pur avendo anticipato la moda degli odiatissimi da me reality horror, o found foutage come si chiamano nel mondo del cinema, meglio noti anche come Mockumentary, espediente già utilizzato da Ruggero Deodato per il suo Cannibal Olocaust, film che ancora devo vedere.
La regola per questo film è la stessa del primo, urla notturne, rametti intrecciati, rituali strani e magici, ma nemmeno in questo film si fa viva la strega di Blair.
Quindi? Mi chiederete?
Quindi nulla di nuovo sotto il sole, la solita minestra trita e ritrita che racconta con un nuovo capitolo del franchise, di altri ragazzi scomparsi per via della maledizione dei boschi della strega di Blair.
Punto.
L'hype per quanto riguarda la sottoscritta non era alle stelle, e comunque ho voluto riprovare di nuovo mio malgrado, ad assistere a questa tipologia di film.
Non nego che buona parte sia stata girata facendo in modo di ammiccare per attirare l'attenzione dello spettatore, ma sembra un banale rifacimento del primo capitolo.
Riquindi?
Avevamo bisogno di questo terzo capitolo?
Io dico di no, perciò questa fratello, faceva bene o non faceva bene a restarsene a casa sua invece di addentrarsi nel bosco?
Capisco che ci vuole un minimo di risposta per quello che successo a tua sorella che è scomparsa, certamente avrebbe risparmiato pure una morte certa ai suoi amici, che verranno risucchiati nella maledizione del bosco di Burkitsville, e nemmeno loro faranno più ritorno a casa.
Fate due più due.
La trama, è praticamente la stessa, solo che stavolta c'è il fratello di Heather a cercare delle risposte, dopo aver trovato il nastro abbandonato di sua sorella e i suoi amici.
A me sembra proprio una paraculata di quelle grosse, non so a voi, comunque sia, preferisco dedicarmi a veri horror, che a filmetti del genere, che di horror hanno soltanto il nome del genere, nome che ovviamente non meritano di figurare, data la poca originalità del progetto.
Come si dice, un occasione mancata, e fatta a quasi vent'anni dal primo film, quindi, fuori tempo massimo direi.
Sono sicura che i ragazzi di oggi nemmeno sanno che 18 anni fa è uscito The Blair Witch Project, a meno che non sono cinefili appassionati e horrorofili.
Un film banale e ripetitivo senza dubbio da dimenticare, in giro c'è di meglio.
Voto: 3

 

Commenti

  1. Pienamente d'accordo, un paio di buone scene, ma Adam Wingard è sprecato a fare queste operazioni inutili. CHeers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.