Passa ai contenuti principali

800 Balas

 

Torna la rassegna dedicata ad Alex de la Iglesia che ho deciso di terminare, dopo più di un anno il regista spagnolo riappare alla fabbrica con un film nostalgico e fatto col cuore, forse il migliore visto tra quelli da lui diretti, ma come spesso accade, in Italia non è mai sbarcato, e per vederlo l'ho visto in lingua originale coi sottotitoli fuori sincrono.
Per una volta, Alex de la Iglesia, smorza il lato grottesco e sarcastico delle sue storie, per una storia incentrata sulla nostalgia, sull'affetto e sulla famiglia, un po' come per mettersi alla prova, e con ottimi risultati direi.
Questo film l'ho adorato.
E' la storia di un nipotino che trova conservate delle fotografie di suo nonno, un tempo attore di western movies e decide di andarlo a trovare nonostante il parere contrario della madre.
La storia presenta personaggi eccentrici e fuori dagli schemi, come di solito lo sono, quelli descritti nei film di De La Iglesia, ma stavolta ci si concentra su altri fattori, come la malinconia, come la nostalgia e la famiglia.
Qui Alex De la Iglesia dimostra maturità, non mancano le scene comiche e surreali tipiche dei suoi film più riusciti, ma questo film è quasi un piccolo capolavoro.
Si vede che vuole narrare una storia che è un po' una piccola fiaba, e lo fa costruendo una specie di parco giochi, in cui il bambino scopre la sua famiglia, i suoi affetti e tanto altro ancora.

Alex De La Iglesia ci regala un grande film, contornato da un cast che include anche Carmen Maura, che possiamo definire attrice feticcio del regista spagnolo.
Cosa ci rimane dopo la visione di questo piccolo ma grande film?
Tantissimo, un opera semplicemente straordinaria, che racconta il cinema attraverso la passione di un nonno, che conosce finalmente il suo nipotino, e gliela trasmette pure.
Vive su un grande set cinematografico, dove lui interpreta lo sceriffo in una serie tv western, che ricorda proprio alla lontana i grandi classici dello spaghetti western.
C'è anche di più, la storia ha un sapore forse autobiografico, e anche cinefilo del suo autore che rende omaggio a Clint Eastwood e Sergio Leone.
Questo film è la conferma (anche se non c'è bisogno di sottolinearlo) che in spagna non è solo Almodovar ad essere grande regista.
Bellissimo.




Commenti

  1. anche a me è piaciuto molto, una storia bellissimi, cor regista e attori perfetti

    https://markx7.blogspot.com/2020/08/800-balas-alex-de-la-iglesia.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.