Passa ai contenuti principali

Gunpowder Milkshake

 
Anche Gunpowder Milkshake è sbarcato sugli schermi di casa Lynch, come è andata?
Per abitudine, io non mi fermo ai pareri contrari, ho voluto vedere questo film e l'ho visto, di certo se vi aspettate un action caciarone, ci rimarrete delusi.
Personalmente ho voluto dare una chance a questo film, e vi assicuro che non me ne sono pentita, anzi, l'ho apprezzato e anche molto.
Rispetto al film precedente di Papushado, non si possono certo fare paragoni, perché primo sono due storie completamente diverse, da prendere per come sono, secondo, il primo è un horror, questo è un action con venature horror, dalla costruzione narrativa.
E questo a molti estimatori dell'action pane e salame potrebbe fare storcere il naso.
In effetti non è un film per tutti, per molti si, ma non per tutti.
Qualcuno ha paragonato questo film al cinema di Tarantino, io non sono daccordo, il cinema di Tarantino è più impulsivo rispetto a questo film, che si regge su una struttura narrativa.
Si perché Papushado, non vuole fare un semplice action movie, vuole anche che empatizziamo con i personaggi, che ci avviciniamo a loro, che in un certo senso li conosciamo meglio, questo fa si che poi verso il finale, accade che siamo dentro alla storia, e ci viene naturale anche preoccuparsi per la  bimba che la protagonista deve proteggere.
Vi sembra poco per un action? No, non lo è, questo ve lo posso assicurare.


Così abbiamo una donna sicario, che deve proteggere una bambina di otto anni da the firm, la potente organizzazione che l'ha cresciuta quando è stata abbandonata dalla madre, allo stesso tempo deve unirsi a lei per salvare la piccola.
E' un mix di generi molto interessante dobbiamo sottolineare, ma però il film risulta non del tutto riuscito, Papushado non è Tarantino e si vede.
Ma questi piccoli difetti si fanno perdonare subito, dalla trama narrativa, che in parte si, possono appesantire il film, da dall'altra parte lo rendono anche molto interessante.
A me è piaciuto, e lo dico a chiare lettere.
Poi certo, per chi mastica cinema, o guarda film un opera può piacere o meno, ma essendo una recensione devo sottolineare pregi e difetti di un opera in esame.
Considerando che, nella maggiorparte dei casi escono dei giocattoloni fini a se stessi, questo film, a differenza mi sembra una ventata d'aria fresca.
Per me è si, promosso, non a pieni voti, ma è promosso.





Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!