Passa ai contenuti principali

Horror Stories Summer Edition - A Quiet Place II

Come ogni martedì (a parte le settimane in cui per un motivo o per un altro non ci arrivo e la sposto), ecco puntuale Horror Stories, la rubrica del cinema horror settimanale.
Questa settimana è il turno di A Quiet Place II, dove si spiegano parecchie cose rispetto al primo capitolo, secondo voi mi è piaciuto? Stay tuned!

 Forse non sarà innovativo come il primo film, però, questo secondo capitolo mi sembra più toccante rispetto al primo, o forse è impressione mia.
Il silenzio può salvare la vita? Sembrerebbe questa la domanda che io come spettatrice mi porgo quando guardo questa saga.
La risposta che mi sono data è molto specifica: SI, ma a volte bisogna agire d'istinto per salvare il mondo, ecco la risposta a questo secondo capitolo, dove finalmente veniamo a conoscenza di cosa è accaduto all'inizio, con una specie di extraterrestri che uccidono al minimo rumore.
Spiegare tutto può far bene?
A volte si, altre no, dipende dalla storia che si vuole raccontare.
Per quanto riguarda A Quiet Place II spiegare cosa è accaduto, ha rappresentato un motivo per apprezzare maggiormente quest'opera.

Se nel primo capitolo eravamo al centro dell'invasione, in questo secondo capitolo, oltre a capire cosa è successo, c'è la ribellione degli umani rispetto a questi extraterrestri?
Si, perché non ci troviamo di fronte a persone che vogliono subire, ma a persone che intendono risolvere il problema, e lo fanno con tutti i mezzi che hanno a disposizione.
Al centro della storia c'è una bambina sorda, che potremmo definire un eroina, capace di spaccare il culo a quei mostri e non solo.
La seguono a ruota, la madre e il fratello, anche se la prima, crede che sia logico scappare, la bambina non si arrende, e anche grazie all'aiuto paterno, cercano di far finire quest'obbligo al silenzio.
Un film che non cerca l'innovazione e non vuole solo essere un capolavoro, ma cerca di fare il suo onesto mestiere.
Stiamo comunque parlando di sequel, e cercare l'innovazione stilistica non mi sembra proprio il caso, anche perché A Quiet Place è un franchise, un prodotto di consumo, ottimo naturalmente, ma sempre prodotto di consumo è, prendetelo pe quello che è e gustatevelo.
A me è piaciuto, e anche tanto.




Commenti

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.