Passa ai contenuti principali

American Horror Story - 1984


 Ci siamo, e stavolta Ryan Murphy e Brad Falchuck hanno fatto centro.
Dopo una serie di stagioni in cui American Horror Story è risultato sottotono, ecco che ritorna in auge con una serie tutt'altro che deludente, una buona stagione, facendo riemergere questa serie antologica dall'inutile ripetersi in cui era vincolata.
Io ho visto praticamente tutte le stagioni, tranne double feature, che per ora è in onda in america, appena i titoli in italiano saranno disponibili, non perderò occasione di guardarla.
Con AHS 1984 Ryan Murphy e Brad Falchuck omaggiano un genere, lo slasher, e non a caso questa stagione ha parecchi rimandi a classici come Venerdì tredici.
Una ventata d'aria fresca, che ci voleva proprio, considerando che questa è la nona stagione, in cui un gruppo di ragazzi vanno in un campeggio, in cui nel 1970, uno spietato serial killer ha fatto fuori tutti.
Ci sono parecchi colpi di scena, intanto perché la storia di per se è costruita in maniera tale, da non sembrare un omaggio agli anni ottanta, anzi, non intende omaggiarli, ma semmai criticarli, vedi la sigla iniziale, e le prime scene di questa stagione, sono tutte ambientate in una palestra, dove in quegli anni tutti stavano in fissa con l'aerobica.
In questo campeggio Mr Jingle ritorna, per seminare morte e terrore, ma nel contempo anche Richard Ramirez, che poi scopriremo fidanzato di una delle ragazze, che vuole far fuori brooke, colpevole secondo lei della morte di suo fratello, in modo indiretto.



Bisogna dire che questo omaggio allo slasher, sottogenere horror, fatto dai creatori di questa serie, è al tempo stesso, un divertito omaggio, e una parodia, oltre che una critica all'edonismo, all'arrivismo che erano una cosa fondamentale in quegli anni.
L'america degli anni ottanta è un america malata, e Murphy e Falchuck lo sanno bene, dato che quegli anni li hanno vissuti, come anche la sottoscritta che sta recensendo la loro stagione.
Quindi dimenticatevi un affettuoso omaggio, qui parliamo di spietati serial killers, non di semplice nostalgia vintage, Murphy e Falchuck conoscono molto bene il genere, e costruiscono una trama in cui niente è come sembra, anche i personaggi più miti possono nascondere un anima oscura, e anche quel campeggio nasconde oscuri segreti, li volete sapere?
Non vi resta che immergervi in questa entusiasmante stagione di AHS 1984 e non ve ne pentirete, questo ve lo assicuro, io l'ho messa nella serie free, perché non vedevo l'ora di vederla, e ora inserirò anche Mad Men perché sono anni che sono ferma alla terza stagione e la voglio vedere tutta, ci riuscirò.



Commenti

  1. Insomma, non mi ha proprio entusiasmato ma non mi è troppo dispiaciuto, qualche chicca interessante c'è ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.